Patricia Highsmith: Il genio oscuro dietro ‘Stranieri in treno’ e ‘Il talento di Mr. Ripley’

Patricia Highsmith
Mara Luccia

Patricia Highsmith è stata una scrittrice americana di romanzi e racconti, nota soprattutto per i suoi thriller psicologici e romanzi di suspense. È nata il 19 gennaio 1921 a Fort Worth, in Texas, ed è cresciuta a New York. Prima di intraprendere la carriera di scrittrice, Highsmith ha studiato al Barnard College e alla Columbia University. Ha ottenuto un ampio riconoscimento per il suo romanzo d’esordio “Strangers on a Train” (Sconosciuti in treno), che è stato poi adattato in un film popolare da Alfred Hitchcock.

Nel corso della sua carriera, la Highsmith ha scritto oltre 20 romanzi e numerosi racconti, e molte delle sue opere sono state adattate in film o serie televisive. La sua creazione più famosa è il personaggio di Tom Ripley, un sociopatico intelligente e affascinante che compare in cinque dei suoi romanzi. Lo stile di scrittura della Highsmith esplora spesso il lato oscuro della natura umana e approfondisce i temi dell’ossessione, del senso di colpa e dell’identità.

Nonostante l’acclamazione della critica per i suoi scritti, la Highsmith ha lottato per tutta la vita con problemi personali come l’alcolismo e la depressione. Ha vissuto in vari Paesi, tra cui Francia, Inghilterra, Svizzera e Italia, prima di stabilirsi in Svizzera, dove è morta il 4 febbraio 1995 all’età di 74 anni.

Oggi Patricia Highsmith è considerata una delle più grandi scrittrici di gialli del XX secolo e continua a influenzare gli autori moderni con le sue avvincenti storie di suspense. Le sue opere sono state tradotte in diverse lingue e hanno guadagnato un seguito di culto tra i lettori di tutto il mondo.

Patricia Highsmith
Patricia Highsmith. By Open Media Ltd – Open Media Ltd, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=24443239

La prima vita

Patricia Highsmith è nata Mary Patricia Plangman il 19 gennaio 1921 a Fort Worth, in Texas. Sua madre era un’illustratrice e suo padre un artista grafico che lavorava nella pubblicità. I due divorziarono prima che lei nascesse e fu cresciuta principalmente dalla nonna materna a New York.

Highsmith ha avuto un’infanzia solitaria e ha lottato con la sua identità sessuale fin da giovane. Era vista come una bambina strana che preferiva la compagnia di lumache e gatti a quella degli altri bambini. In seguito la Highsmith si è descritta come una disadattata che si sentiva fuori posto da bambina a causa della sua sessualità ambigua e del suo temperamento artistico. Dall’età di 12 anni teneva quaderni di poesie e viveva in un mondo fantastico di sua creazione. Nonostante le sue tendenze solitarie, formò uno stretto legame con la madre e la nonna.

Istruzione

Patricia Highsmith ha frequentato il Barnard College di New York dove ha studiato inglese, latino e greco. Ha collaborato con la rivista letteraria studentesca del Barnard. Dopo essersi laureata nel 1942, ha frequentato la scuola di specializzazione alla Columbia University, dove ha studiato scrittura narrativa e composizione di racconti. Durante il periodo trascorso alla Columbia ha continuato a scrivere e pubblicare racconti. La Highsmith non completò la sua laurea, ma intraprese la carriera di scrittrice di fumetti negli anni Quaranta. In seguito ha dichiarato di aver apprezzato il tempo trascorso a studiare letteratura e scrittura creativa al college, in quanto ha contribuito a sviluppare il suo stile di scrittura e la sua voce distintiva.

Gli inizi della carriera di scrittore

Dopo essersi laureata al Barnard College nel 1942, Patricia Highsmith ha lottato per farsi pubblicare. Inviò racconti a riviste come Harper’s Bazaar e il New Yorker, solo per affrontare continui rifiuti. Per mantenersi, la Highsmith svolse una serie di lavori, tra cui quello di impiegata in una fabbrica di bambole e di commessa nel reparto bambini dei grandi magazzini Bloomingdale.

Frustrata dal mondo dell’editoria, la Highsmith si dedicò alla scrittura di fumetti tra la fine degli anni Quaranta e l’inizio degli anni Cinquanta. Ha sceneggiato molti titoli della serie “Romance Comics” pubblicata da Crestwood/Prize Comics. Sebbene lo considerasse un “lavoro saltuario”, la scrittura di fumetti le garantiva uno stipendio fisso. Durante questo periodo, continuò a inviare racconti alle riviste e alla fine il suo primo racconto, “The Heroine”, fu pubblicato su Harper’s Bazaar nel 1945.

Il primo romanzo della Highsmith, Strangers on a Train, fu rifiutato dal suo editore Harper & Brothers. Imperterrita, perseverò e continuò ad affinare il suo mestiere e il suo stile. I suoi racconti iniziarono ad apparire sulla rivista Ellery Queen’s Mystery Magazine nei primi anni Cinquanta. Il secondo romanzo della Highsmith, The Price of Salt, fu pubblicato nel 1952 con lo pseudonimo di Claire Morgan, poiché trattava temi lesbici. Sebbene dovesse ancora affrontare delle sfide, la Highsmith cominciava a farsi conoscere nei circoli editoriali grazie alla sua narrativa breve.

Successo di evasione con Strangers on a Train

Il romanzo Strangers on a Train (1950) fu la grande occasione della Highsmith come scrittrice. Fu pubblicato da Harper & Brothers e vendette quasi 50.000 copie nei primi sei mesi, permettendole di lasciare il suo lavoro quotidiano e di concentrarsi sulla scrittura a tempo pieno.

Strangers on a Train è incentrato sull’incontro casuale tra due uomini, Charles Bruno e Guy Haines, su un treno. Bruno propone loro uno “scambio di omicidi”: Bruno ucciderà la moglie separata di Guy se Guy ucciderà il padre di Bruno. Guy non prende sul serio Bruno, ma Bruno procede all’omicidio della moglie di Guy. Questo costringe Guy a un dilemma morale, poiché Bruno lo spinge a mantenere la sua parte del presunto accordo.

Il romanzo fu ben accolto dalla critica e contribuì a consolidare la reputazione della Highsmith per la creazione di thriller psicologici intelligenti. L’ambiguità morale dei personaggi e l’esplorazione del senso di colpa e della dualità furono notate per aver aggiunto profondità a quella che altrimenti sarebbe potuta essere una trama di omicidio standard. Il fatto che il romanzo si concentri sulla psicologia di un assassino piuttosto che sui dettagli degli omicidi stessi era relativamente innovativo per il genere all’epoca.

Il successo dell’adattamento di Strangers on a Train in un film di Alfred Hitchcock nel 1951 portò ancora più visibilità e popolarità all’opera della Highsmith. Sebbene non abbia scritto alcun seguito di Strangers on a Train, il successo critico e commerciale del romanzo diede alla Highsmith la fiducia e i mezzi per proseguire la sua carriera letteraria con maggiore libertà creativa.

Il talento di Mr. Ripley e altri romanzi

L’opera più nota di Patricia Highsmith è il thriller psicologico Il talento di Mr. Ripley, pubblicato nel 1955. Questo romanzo introduce il suo antieroe Tom Ripley, un giovane artista della truffa che uccide un ricco conoscente e poi si spaccia per lui. Il talento di Mr. Ripley esplora i temi dell’ossessione, della doppiezza e della natura fluida dell’identità che diventeranno i tratti distintivi della narrativa della Highsmith. L’ambientazione europea ha inoltre consolidato la sua reputazione di scrittrice di intrighi internazionali.

Il talento di Mr. Ripley fu seguito da quattro sequel, ognuno dei quali descriveva un’altra delle fughe amorali di Tom Ripley. Con il tempo, i romanzi di Ripley della Highsmith divennero sempre più satirici, mettendo in ridicolo le pretese dell’alta società. Anche il suo stile di scrittura si è evoluto, passando dall’atmosfera noir del primo libro alla commedia nera.

Oltre alla serie Ripley, la Highsmith ha scritto molti romanzi di suspense psicologica spesso incentrati su criminali, truffatori e relazioni contorte. Opere come Il grido della civetta, Questa dolce malattia e I due volti di gennaio trattano di ossessione, confusione di identità e ambiguità morale. La Highsmith scrisse anche numerosi racconti, molti dei quali condividono il tono inquietante e i temi della psicologia anormale presenti nei suoi romanzi. Preferiva concentrarsi su drammi personali intimi piuttosto che su trame d’azione.

Processo di scrittura e influenze

Patricia Highsmith aveva abitudini di scrittura uniche e traeva ispirazione da una serie di influenze letterarie. Scriveva spesso circondata da lumache nel suo giardino e le portava persino in viaggio con sé. La Highsmith beveva regolarmente anche mentre scriveva, tenendo un bicchiere di whisky o di gin accanto alla macchina da scrivere.

Diversi autori hanno influenzato in modo determinante lo stile e i temi della scrittura della Highsmith. Era un’avida lettrice di Dostoevskij e ammirava il modo in cui scavava nelle dimensioni psicologiche dei suoi personaggi. La Highsmith apprezzava anche il talento di Oscar Wilde nel cogliere le contraddizioni umane. L’opera teatrale Rope di Patrick Hamilton, incentrata su due giovani che commettono un omicidio per il semplice gusto di farlo, ha contribuito a ispirare la trama di Strangers on a Train.

La Highsmith è diventata famosa per la sua capacità di costruire la suspense attraverso la vita interiore dei personaggi. Si concentrò sul deterioramento morale dei protagonisti che razionalizzano i loro impulsi oscuri e la loro discesa nel crimine. Questa tensione psicologica era una firma della sua tecnica di suspense. Piuttosto che affidarsi alla violenza, all’azione e ai colpi di scena, la Highsmith costruisce l’intrigo attraverso le menti moralmente ambigue di assassini e truffatori. La sua capacità di entrare nella testa di questi personaggi e di comprendere le loro contorte razionalizzazioni ha impressionato molti altri scrittori.

Vita personale

Patricia Highsmith ha condotto una vita personale non convenzionale che ha spesso causato controversie. Pur avendo frequentato per breve tempo lo scrittore Marc Brandel, la Highsmith non si è mai sposata né ha avuto figli. Era apertamente lesbica in un’epoca in cui l’omosessualità era tabù e illegale in molti luoghi.

Highsmith ebbe numerose relazioni con donne nel corso della sua vita. Una delle sue relazioni più significative fu quella con l’artista Carol Plant negli anni Quaranta. All’inizio degli anni Cinquanta, ebbe una relazione sentimentale con la sociologa Ellen Blumenthal Hill, che all’epoca era sposata. La loro relazione si concluse amaramente alcuni anni dopo.

Nel 1966 la Highsmith iniziò una relazione con la scrittrice Marijane Meaker che durò due anni. Ebbe anche un’intensa storia d’amore con l’artista Caroline Besterman, che durò decenni. Inizialmente la Highsmith tendeva a infatuarsi dei suoi amanti per poi perdere interesse.

Nel corso della sua vita la Highsmith ha viaggiato molto in Europa, vivendo per lunghi periodi in Inghilterra, Francia, Italia e Svizzera. Parlava correntemente il francese e ammirava la cultura europea. Tuttavia, ha affrontato occasionalmente discriminazioni e ostilità in quanto donna americana apertamente gay all’estero.

La Highsmith aveva a cuore le questioni sociali e politiche, sostenendo i diritti degli animali e opponendosi alla violenza. Contribuì finanziariamente a molte cause che le stavano a cuore. Tuttavia, le sue opinioni forti e la sua personalità pungente la misero spesso nei guai. Era nota per la sua intensità, la sua riservatezza e il suo interesse per il lato oscuro della natura umana.

Carriera successiva e morte

Nella sua carriera successiva, la Highsmith ha ricevuto numerosi premi e onorificenze che riconoscono il suo significativo contributo alla letteratura. Nel 1980 le è stato assegnato il premio O. Henry per il racconto “The Snail Watcher”. Ha inoltre ricevuto il premio Crime Writers’ Association Silver Dagger nel 1964 e nel 1975.

Gli ultimi anni di vita della Highsmith sono stati trascorsi in Svizzera, dove viveva dai primi anni Sessanta. Ha continuato a scrivere e pubblicare nuovi romanzi e racconti, anche se la sua produzione è rallentata negli ultimi anni. La sua salute diminuì a causa di una combinazione di anemia, diabete e danni al fegato dovuti all’eccessivo consumo di alcol. Highsmith morì all’età di 74 anni nel 1995 a Locarno, in Svizzera.

Dopo la sua morte, la Highsmith ha continuato a ricevere riconoscimenti postumi e rivalutazioni critiche del suo lavoro. Molti dei suoi romanzi sono stati adattati in film, facendo conoscere i suoi scritti a un nuovo pubblico. Nel 2009 le è stato conferito il premio Outstanding Mystery Writer of the 20th Century dalla Mystery Writers of America. La sua reputazione di scrittrice di gialli tra le più talentuose e influenti del XX secolo non ha fatto che crescere nel tempo.

Eredità

Patricia Highsmith ha lasciato un profondo impatto sui generi della suspense e del thriller che si avverte ancora oggi. I suoi thriller psicologici hanno introdotto personaggi più oscuri e complessi e temi che hanno infranto le convenzioni della scrittura di gialli. Ha esplorato l’ambiguità morale della psiche umana in un modo senza precedenti.

La Highsmith ha ispirato innumerevoli scrittori grazie alla sua capacità di entrare nella mente dei criminali e di creare una scomoda intimità tra il lettore e i protagonisti, spesso amorali. Scrittori come Ruth Rendell e Gillian Flynn hanno citato la Highsmith come una delle principali influenze sui loro romanzi polizieschi psicologicamente complessi. Il suo personaggio di Tom Ripley, in particolare, ha stabilito il modello dell’affascinante e brillante antieroe psicopatico che popola ancora molti thriller.

Oltre all’importanza letteraria, l’opera della Highsmith ha lasciato anche un segno culturale. Il suo romanzo del 1955 Il talento di Mr. Ripley è stato adattato in un film del 1999 con Matt Damon, facendo conoscere i suoi personaggi contorti a un nuovo pubblico. Il personaggio di Ripley continua ad affascinare e altri attori come John Malkovich e Barry Pepper hanno ripreso il ruolo in adattamenti successivi. I film tratti da altri suoi romanzi, in particolare Stranieri sul treno, sono considerati dei classici.

Anche se la Highsmith non è un nome famoso come Agatha Christie, le sue storie cupe e psicologicamente penetranti hanno contribuito all’evoluzione del genere thriller e sono tuttora apprezzate dal pubblico. Ha ampliato i confini della narrativa del mistero e ha lasciato un’eredità su cui gli autori moderni di suspense continuano a costruire.

Citazioni degne di nota

Patricia Highsmith era nota per le sue perspicaci prospettive sulla scrittura, sulla vita e sulla natura umana. Ecco alcune delle sue citazioni più interessanti:

Sulla scrittura:

“È un sollievo meraviglioso rendersi conto che l’atto di scrivere corregge il pensiero, man mano che si procede”.

“Non trovo difficile scrivere, ma trovo molto difficile iniziare”.

Sulla vita:

“È la possibilità di stimolare le emozioni che attira le persone verso il romanzo”.

“L’artista creativo sembra essere quasi l’unico tipo di uomo che non si può incontrare su un terreno neutrale. Lo si può incontrare solo come artista. Non vede nulla di oggettivo perché il suo stesso ego è sempre in primo piano in ogni immagine”.

Sulla natura umana:

“Credo che la maggior parte dei romanzieri abbia un solo personaggio, che conosce così bene da poterlo adattare a qualsiasi situazione e a qualsiasi libro che sta scrivendo”.

“Ricevo spesso lettere di lettori che affermano non solo di aver risolto il mistero di uno dei miei romanzi, ma di aver capito, psicologicamente, il “perché” del crimine stesso. Dicono di aver capito le motivazioni del criminale. Ma la verità è che non lo faccio nemmeno io. Non sono molto interessato alle motivazioni del criminale. Mi interessa l’effetto sulle altre persone”.

Le citazioni della Highsmith rivelano le sue perspicaci prospettive sulla scrittura, sulla vita e sulla natura umana che hanno contribuito alla sua eredità di acclamata scrittrice.

Etichettato:
Condividi questo articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *