“Illustrazioni per libri inesistenti. Artisti con Manganelli” | Dal 22 settembre al Museo di Roma in Trastevere

21 Settembre 2023
Giorgio Manganelli
Ritratto, Album fotografico di Giorgio Manganelli, racconto biografico di Lietta Manganelli, a cura di Ermanno Cavazzoni, Quodlibet, Macerata 2010

Roma, 21 settembre 2023 – Uno straordinario spaccato della vita culturale a Roma e a Milano, tra gli anni Sessanta e Ottanta, ricostruito attraverso la collaborazione fra Giorgio Manganelli, uno dei maggiori scrittori del Novecento,e undici artisti del suo tempo (Lucio Fontana, Fausto Melotti, Carol Rama, Toti Scialoja, Gastone Novelli, Achille Perilli, Franco Nonnis, Gianfranco Baruchello, Giovanna Sandri, Giosetta Fioroni e Luigi Serafini) è proposto nella mostra “Illustrazioni per libri inesistenti. Artisti con Manganelli”, ospitata dal 22 settembre al 7 gennaio 2024 al Museo di Roma in Trastevere.

L’esposizione, a cura di Andrea Cortellessa, è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Cultura, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con la collaborazione del Comitato nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Giorgio Manganelli. Organizzazionedi Zètema Progetto Cultura. Catalogo edito da Electa.

A Roma Giorgio Manganelli (Milano, 15 novembre 1922 – Roma, 28 maggio 1990) ha intrattenuto le sue maggiori relazioni con il mondo dell’arte fra gli anni Sessanta e Settanta, intrecciando sodalizi – per esempio con Gastone Novelli, Gianfranco Baruchello e Toti Scialoja – altrettanto, se non più profondi, di quelli tenuti con letterati della stessa generazione. Si colloca invece negli anni Ottanta prevalentemente a Milano una seconda fase, in stretta complicità con Lea Vergine che a Manganelli commissionò una serie di testi per le mostre da lei curate, introducendolo così all’“altra metà dell’avanguardia” (come l’aveva definita lei), cioè ad artiste come Carol Rama.

Giorgio Manganelli
Da sinistra a destra Eugenio Battisti, Giorgio Manganelli, Alfredo Giuliani, Achille Perilli, Gastone Novelli, Marina Lund, Angelo Guglielmi ed Elio Pagliarani ai tempi di “Grammatica”

In mostra al Museo di Roma in Trastevere circa 60 opere tra pittura, scultura, grafica, fotografia, libri e documenti, provenienti da importanti collezioni private ma anche dalle Fondazioni degli artisti coinvolti e dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea.

L’esposizione analizza la cospicua moledi scritti di Manganelli dedicati alle arti visive, che abbracciano un considerevole repertorio sia in termini cronologici che tipologici (per la prima volta raccolti da Cortellessa nel 2022, in occasione del centenario della sua nascita, e da poco pubblicati da Adelphi nel volume Emigrazioni oniriche).

Il fulcro dell’esposizione è dedicato al ciclo delle ventitré tavole di Gastone Novelli su Hilarotragoedia, il libro d’esordio di Manganelli pubblicato nel 1964: le tavole, tutte dello stesso formato (35 x 50 cm) e conservate in due diverse collezioni private di Milano, sono presentate nel loro insieme per la prima volta a Roma proprio in quest’occasione.

In un’altra sezione della mostra vengono approfonditi i legami con due grandi artisti, oggi al massimo delle loro fortune, che Manganelli ebbe modo di frequentare in periodi diversi: Gianfranco Baruchello, recentemente scomparso, e appunto Carol Rama. Sono presenti opere di importanti artisti dei quali Manganelli ha scritto e che erano con lui in rapporti di amicizia e collaborazione, come Achille Perilli, Giosetta Fioroni e Toti Scialoja e anche di due grandi maestri del Novecento come Fausto Melotti e Lucio Fontana, ai quali Manganelli ha dedicato importanti scritti.

In esposizione anche uno spazio che ospita opere degli artisti suoi amici e compagnons de route, o da lui commentate nei suoi pezzi mentre nell’ultima sala è possibile ammirare libri rari e di pregio, pieghevoli delle mostre d’antan e altri memorabilia di quel tempo. Fra questi, le due diverse edizioni della Pulcinellopaedia di Luigi Serafini (commentata da Manganelli in un articolo del 1985), designer dalle opere misteriose con il quale lo scrittore vagheggiò di realizzare un fumetto noir a quattro mani. Questo libro “non nato” ovviamente non è qui esposto ma rimane un esempio perfetto dell’inesistenza, così tangibile ed evidente, riferita nel titolo stesso della mostra.

Giorgio Manganelli
Serie sull’“Hilarotragedia” 2. Problemi propedeutici all’Ade II, Gastone Novelli, 1964, matita e pastelli su carta, cm 34×47,5, collezione privata, Archivio Gastone Novelli, Roma
Giorgio Manganelli
Serie dell’“Hilarotragedia” 10. Anticamera dell’ade 5, Gastone Novelli, 1964, matita e pastelli su carta, cm 34×47, collezione privata, Archivio Gastone Novelli, Roma

Il titolo della mostra è lo stesso di un articolo che Giorgio Manganelli scrisse per la rivista “FMR”, nella rubrica Salons, che nell’87 lo stesso Franco Maria Ricci raccolse in un fastoso volume. Era dedicato alla pittura surrealista accusata di essere “letteraria”, in particolare a Paul Delvaux: quei dipinti erano “illustrazioni”, ma appunto di libri “inesistenti”, mai (o forse non ancora) scritti.

A corredo dell’esposizione, da settembre a dicembre 2023, verrà proposto anche un ciclo di incontri, dal titolo “Manganelli con artisti”,ideato ecoordinato dal curatore Andrea Cortellessa. In ogni incontro verrà approfondito il legame fra lo scrittore e uno o più degli artisti in mostra, in particolare fra quelli attivi a Roma dagli anni Sessanta a oggi, da Gastone Novelli a Luigi Serafini, l’incontro col quale concluderà il ciclo e idealmente, con esso, la mostra.

Avatar di Martha Lucas

Martha Lucas

Martha Lucas è appassionata di cinema e letteratura. Sta lavorando al suo primo romanzo e scrive articoli. È responsabile delle sezioni teatro e libri al MCM. Siviglia, Spagna.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articoli più recenti