F. Scott Fitzgerald

F. Scott Fitzgerald
Mara Luccia

Francis Scott Key Fitzgerald (1896-1940) è stato un romanziere, saggista e scrittore di racconti americani. È noto soprattutto per i suoi romanzi che ritraggono l’ostentazione e l’eccesso dell’Età del Jazz, termine che ha reso popolare nella sua raccolta di racconti Tales of the Jazz Age. Durante la sua vita pubblicò quattro romanzi, quattro raccolte di racconti e 164 storie brevi. Sebbene abbia ottenuto un temporaneo successo e fortuna popolare negli anni Venti, Fitzgerald ha ricevuto il plauso della critica solo dopo la sua morte ed è oggi ampiamente considerato come uno dei più grandi scrittori americani del XX secolo.

Fitzgerald nasce a Saint Paul, nel Minnesota, da una famiglia cattolica della classe media. Frequenta l’Università di Princeton, dove incontra la sua futura moglie, Zelda Sayre. Dopo la laurea a Princeton, Fitzgerald prestò servizio nell’esercito degli Stati Uniti durante la prima guerra mondiale.

Il primo romanzo di Fitzgerald, This Side of Paradise, fu pubblicato nel 1920. Il romanzo fu un successo di critica e commerciale e consacrò Fitzgerald come una voce importante dell’Età del Jazz. Tra gli altri suoi romanzi ricordiamo I belli e dannati (1922), Il grande Gatsby (1925), Tenera è la notte (1934) e L’ultimo magnate (1941).

Anche i racconti di Fitzgerald furono molto apprezzati. Tra i suoi racconti più famosi ricordiamo “Il curioso caso di Benjamin Button” (1922), “Il diamante grosso come il Ritz” (1922) e “Babilonia rivisitata” (1931).

L’opera di Fitzgerald si caratterizza per il suo fascino, la sua arguzia e il suo acuto commento sociale. Fitzgerald fu un attento osservatore dell’Età del Jazz e i suoi romanzi e racconti catturano il senso di decadenza ed eccesso dell’epoca. L’opera di Fitzgerald esplora anche i temi dell’ambizione, della perdita e del sogno americano.

La vita personale di Fitzgerald fu spesso travagliata. Lottò contro l’alcolismo e i problemi finanziari. Anche il suo matrimonio con Zelda fu tumultuoso e i due divorziarono nel 1932. Fitzgerald morì di infarto nel 1940, all’età di 44 anni.

Nonostante la sua travagliata vita personale, l’opera di Fitzgerald ha avuto un impatto duraturo sulla letteratura americana. I suoi romanzi e i suoi racconti sono letti e studiati ancora oggi e continuano ad essere rilevanti per i lettori moderni. Fitzgerald è una figura importante della letteratura americana e le sue opere sono considerate tra le più belle del XX secolo.

Etichettato:
Condividi questo articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *