Che cos’è la “Wilderness Therapy”?

27 Dicembre 2023
Wilderness Therapy
Wilderness Therapy

Nella società odierna, frenetica e ad alto stress, molti adolescenti lottano con disturbi comportamentali, abuso di sostanze e problemi di salute mentale. Gli approcci terapeutici tradizionali possono non essere sempre efficaci nel trattare queste sfide complesse. È qui che entra in gioco la terapia nella natura, nota anche come assistenza sanitaria comportamentale all’aperto. Questa opzione terapeutica innovativa prevede l’immersione dei pazienti nella natura e l’utilizzo di attività di avventura all’aperto per promuovere la crescita personale e interpersonale. Sebbene la terapia in ambiente naturale abbia guadagnato popolarità negli ultimi anni, ci sono dibattiti in corso sulla sua efficacia e preoccupazioni sulla mancanza di regolamentazione e supervisione all’interno del settore.

Le origini della Wilderness Therapy

La terapia Wilderness affonda le sue radici nella metà del XX secolo, quando l’educatore tedesco Kurt Hahn e Laurence Holt fondarono Outward Bound, un programma di educazione all’aria aperta finalizzato alla formazione di giovani marinai nel Regno Unito. Questo programma è stato un precursore della moderna terapia della natura selvaggia, incorporando attività e sfide all’aperto per favorire la crescita personale e la resilienza. Negli anni ’60, Larry Olsen, professore residente presso la Brigham Young University nello Utah, sviluppò un corso chiamato “Leadership giovanile attraverso la sopravvivenza all’aperto”. Questo corso ha ispirato l’istituzione di vari programmi di terapia nella natura in tutte le regioni delle Montagne Rocciose e del Deserto Occidentale degli Stati Uniti.

Capire la Terapia Wilderness

La terapia della natura è un approccio terapeutico che combina attività di avventura all’aperto con interventi terapeutici per affrontare i disturbi comportamentali, l’abuso di sostanze e i problemi di salute mentale negli adolescenti. L’obiettivo è fornire un’esperienza unica e trasformativa che promuova l’autoriflessione, la scoperta di sé e la crescita personale. I partecipanti ai programmi di terapia della natura selvaggia trascorrono periodi prolungati nella natura selvaggia, impegnandosi in attività come l’escursionismo, il campeggio, l’arrampicata e lo sviluppo di abilità primitive.

Modelli di Wilderness Therapy

I programmi di terapia Wilderness possono essere classificati in tre modelli principali: basati su spedizioni, campi base e residenziali a lungo termine. Nel modello basato sulle spedizioni, i partecipanti intraprendono escursioni prolungate, allestendo campi in varie località e imparando abilità di sopravvivenza lungo il percorso. Il modello del campo base prevede che i partecipanti alloggino in una struttura centrale mentre si dedicano a brevi escursioni nella natura. Infine, il modello residenziale a lungo termine combina il trattamento residenziale tradizionale con componenti wilderness integrate nelle attività quotidiane o nell’ambiente della struttura.

Benefici ed efficacia

I sostenitori della terapia nella natura sottolineano i suoi potenziali benefici nel promuovere la crescita personale e interpersonale, la resilienza, l’autostima e l’autoefficacia. Alcuni studi suggeriscono che la terapia della natura selvaggia può ridurre i comportamenti delinquenziali tra i giovani partecipanti e migliorare il coinvolgimento sociale e il benessere psicologico in popolazioni specifiche, come i sopravvissuti al cancro infantile. Tuttavia, i critici sostengono che l’efficacia della terapia in ambiente naturale non è ancora chiara e sono necessarie ulteriori ricerche scientifiche per fornire prove definitive della sua efficacia.

Controversie e preoccupazioni

Nonostante i suoi potenziali benefici, la terapia nella natura ha affrontato controversie e preoccupazioni significative. Un problema importante è la mancanza di una definizione e di una regolamentazione coerente all’interno del settore. L’assenza di definizioni standardizzate rende difficile confrontare l’efficacia dei diversi programmi, mentre la mancanza di regolamentazione solleva preoccupazioni sulla sicurezza e sulle pratiche etiche utilizzate da alcuni fornitori di terapia nella natura.

Abuso e problemi di sicurezza

Le segnalazioni di abusi, decessi e cause legali associate ai programmi di terapia nella natura hanno sollevato serie preoccupazioni sulla sicurezza e il benessere dei partecipanti. Sono stati documentati episodi di abusi presunti e confermati da parte di membri del personale, che hanno provocato lesioni fisiche, ossa rotte e traumi psicologici. È stato segnalato anche l’uso improprio delle contenzioni, come l’uso improprio o eccessivo della forza, con conseguenti lesioni e persino decessi. Questi incidenti evidenziano la necessità di regolamenti più severi e di una supervisione all’interno del settore della terapia nella natura, per garantire la sicurezza e il benessere dei partecipanti.

Mancanza di ricerca e di prove

Un’altra area di preoccupazione è la ricerca scientifica limitata e le prove a sostegno dell’efficacia della terapia nella natura nel trattamento dei disturbi comportamentali, dell’abuso di sostanze e dei problemi di salute mentale negli adolescenti. Sebbene alcuni studi suggeriscano risultati positivi, molti articoli e recensioni sottolineano la mancanza di metodologie di ricerca rigorose, le dimensioni ridotte dei campioni e la necessità di indagini più complete sugli effetti a lungo termine della terapia nella natura. L’assenza di una solida base di prove solleva dubbi sulla validità e sull’affidabilità dell’approccio terapeutico.

Consenso informato e considerazioni etiche

La questione del consenso informato è fondamentale nella terapia nella natura, soprattutto quando si tratta di arruolare involontariamente degli adolescenti. Alcuni partecipanti entrano in questi programmi contro la loro volontà, trasportati da società di escort terze o ingannati. La mancanza di consenso informato solleva preoccupazioni etiche sull’autonomia e sui diritti delle persone che ricevono il trattamento. È essenziale che i fornitori e le famiglie si assicurino che i partecipanti comprendano appieno e acconsentano a partecipare ai programmi di terapia in ambiente naturale.

Il futuro della Wilderness Therapy

Con la continua evoluzione del campo della terapia in ambiente naturale, c’è un crescente riconoscimento della necessità di definizioni standardizzate, regolamenti e pratiche basate sull’evidenza. Si sta cercando di istituire organismi di supervisione del settore, come l’Outdoor Behavioral Health Council, per promuovere le migliori pratiche e garantire la sicurezza e l’efficacia dei programmi di terapia nella natura. Inoltre, la ricerca continua e la collaborazione tra ricercatori, operatori e responsabili politici sono essenziali per esplorare ulteriormente i potenziali benefici e affrontare le preoccupazioni associate alla terapia nella natura.

La terapia Wilderness offre un approccio unico e alternativo al trattamento dei disturbi comportamentali, dell’abuso di sostanze e dei problemi di salute mentale negli adolescenti. Immergendo i partecipanti nella natura e utilizzando attività di avventura all’aperto, questa forma di terapia mira a promuovere la crescita personale, la resilienza e la scoperta di sé. Sebbene ci siano controversie e preoccupazioni che circondano il settore, c’è anche un potenziale di risultati positivi e di esperienze trasformative. Mentre il campo continua a evolversi e ad affrontare le sfide che deve affrontare, la terapia nella natura promette di essere una valida opzione terapeutica per coloro che hanno bisogno di un approccio diverso alla guarigione.

Avatar di Martin Cid Magazine

Martin Cid Magazine

Martin Cid Magazine (MCM) è una rivista culturale di intrattenimento, arte e spettacolo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articoli più recenti