Le affascinanti origini dei ninja: Dalle spie furtive agli eroi della cultura pop

Penelope H. Fritz
Penelope H. Fritz

I ninja, le leggendarie spie del Giappone feudale, hanno affascinato l’immaginario di tutto il mondo. Queste figure enigmatiche, con il loro abbigliamento nero e la loro padronanza della furtività, sono diventate simboli iconici della cultura popolare. Da film come “Teenage Mutant Ninja Turtles” all’emozionante programma televisivo “American Ninja Warrior”, l’influenza dei ninja è innegabile. Tuttavia, la vera storia di questi agenti segreti è avvolta nel mistero e nella mitologia.

La storia dei ninja: Smascherare il mito

La questione se i ninja fossero figure storiche reali o semplici creazioni mitologiche ha da tempo incuriosito gli studiosi. Molte storie ritraggono i ninja come esperti di arti marziali con abilità soprannaturali, capaci di evocare il fuoco e di dividersi in più corpi. Sebbene questi racconti possano avere una qualche base di verità, la maggior parte degli storici concorda sul fatto che l’immagine popolare dei ninja è stata notevolmente romanzata e commercializzata nel corso dei secoli.

I ninja emersero sulla scena nel XIV secolo, assunti dai daimyo, o signori della guerra del Giappone feudale, principalmente per scopi di intelligence e controspionaggio. Tuttavia, a causa della loro natura segreta, esistono pochi documenti scritti sui ninja. Gran parte di ciò che sappiamo su di loro proviene da testi scritti molto dopo il loro periodo di massimo splendore, nel 1600.

A differenza dei samurai, che erano combattenti altamente addestrati provenienti da famiglie d’élite, i ninja provenivano da tutti i ceti sociali. A differenza dei samurai, che aderivano a un rigoroso codice d’onore noto come bushido, i ninja non erano vincolati da tali vincoli. Questo li rendeva ideali per impegnarsi nella guerriglia e nello spionaggio, compiti che avrebbero disonorato un samurai.

Gli Shinobi: Maestri del sotterfugio

Mentre oggi il termine “ninja” è comunemente usato, i testi storici si riferivano a questi agenti segreti come “shinobi”. Il Vocabulario da Lingoa de Iapam, un dizionario giapponese-portoghese pubblicato nel 1603, definiva gli shinobi come spie che si infiltravano nel territorio nemico per raccogliere informazioni.

Il valore degli shinobi risiedeva nella loro capacità di raccogliere informazioni cruciali per i loro patroni. Essi possedevano una profonda conoscenza della topografia nemica, delle scorte di cibo e delle strutture dei castelli. Gli shinobi si infiltravano nei domini nemici, valutavano la situazione del territorio e creavano il caos con atti di sabotaggio e incendi dolosi. Il loro obiettivo principale era quello di raccogliere segretamente informazioni preziose per il loro signore.

Per portare a termine le loro missioni, i ninja dovevano essere maestri del travestimento e del sotterfugio. Erano abili nelle arti della furtività, della distrazione e del controspionaggio. Contrariamente a quanto si crede, i ninja erano più spesso impegnati nella raccolta di informazioni che negli assassinii. Il loro successo si basava sulla capacità di mimetizzarsi in diversi contesti sociali, acquisire conoscenze e fuggire in sicurezza per riferire le loro scoperte ai loro patroni.

L’arte del Ninjutsu: Una disciplina dalle mille sfaccettature

I ninja non erano solo abili nello spionaggio, ma possedevano anche un’ampia gamma di abilità. Il Bansenshukai, un’enciclopedia completa sul ninjutsu scritta nel XVII secolo, descrive le arti ninja come comprendenti abilità sociali, tecniche di conversazione, mnemotecniche, tecniche di trasmissione, medicina, astronomia e persino stregoneria.

La disciplina psicologica svolgeva un ruolo cruciale nell’addestramento di un ninja. Dovevano mantenere uno stato di assoluta tranquillità, anche di fronte al pericolo. Un buon ninja aveva un’intensa autodisciplina e uno stato mentale puro, che gli permetteva di rimanere calmo e concentrato in qualsiasi circostanza.

I ninja erano maestri del travestimento e spesso si infiltravano nei loro obiettivi in pieno giorno. Si mimetizzavano tra i contadini e gli agricoltori, utilizzando come armi strumenti comuni come falci e spade. Tuttavia, la loro arma più famosa era lo shuriken, noto anche come stella ninja. Queste lame da lancio tascabili potevano essere facilmente nascoste e utilizzate per disarmare gli avversari.

I ninja nel contesto storico: Momenti di definizione

Sebbene le origini esatte dei ninja rimangano poco chiare, essi hanno avuto un ruolo significativo nella storia del Giappone durante i conflitti territoriali tra i signori della guerra. Due periodi notevoli in cui i ninja furono attivi furono le guerre di Nanbokucho (1336-1392) e il periodo degli Stati Combattenti (1467-1568).

Un momento decisivo che ha mostrato l’influenza dei ninja sulla storia giapponese è stato l’incidente di Honno-ji del 1582. Dopo l’assassinio di Oda Nobunaga, un potente shogun, uno dei suoi fedeli, Tokugawa Ieyasu, era in grave pericolo. Fu Hattori Hanzo, maestro spadaccino e rinomato ninja, a salvare la vita di Ieyasu portandolo di nascosto fuori dal territorio nemico. Questo atto preservò il futuro di Ieyasu come shogun e portò a due secoli di pace e prosperità, noti come periodo Edo.

Un’altra figura di rilievo nella storia dei ninja è Ishikawa Goemon, un ninja nato a Iga che cercò di alleviare le sofferenze dei contadini rubando ai ricchi e ridistribuendo le loro ricchezze. Mentre alcuni considerano Goemon un eroe leggendario, altri sostengono che sia un personaggio di fantasia. La sua storia si concluse tragicamente quando non riuscì ad assassinare Toyotomi Hideyoshi e fu bollito vivo, insieme al figlio, dagli uomini di Hideyoshi.

L’ascesa della cultura pop ninja

Il fascino duraturo dei ninja ha portato alla loro ampia popolarità nella cultura moderna. Negli anni Cinquanta, il sindaco di Iga, Okuse Heishichirō, svolse un ruolo significativo nel portare i ninja all’attenzione del pubblico istituendo il Ninjutsu Wonder Museum. Questa iniziativa ha dato il via a un’ondata di libri, articoli e narrativa pulp sull’argomento.

La rappresentazione dei ninja nel film di James Bond del 1967 “Si vive solo due volte” è stata un momento cruciale per la loro diffusione. La scena in cui centinaia di assassini ninja si calano nel covo di SPECTRE catturò l’immaginazione degli spettatori di tutto il mondo. Questo segnò l’ingresso dei ninja nella cultura pop mainstream, portando alla loro comparsa in film, programmi televisivi, videogiochi, giocattoli, fumetti e persino nel branding dei prodotti.

Una delle manifestazioni di maggior successo della cultura pop dei ninja è rappresentata dalle Teenage Mutant Ninja Turtles. Questa serie animata e i giocattoli ad essa collegati hanno riscosso un enorme successo, affascinando il pubblico con le avventure di Leonardo, Donatello, Michelangelo e Raffaello. La popolarità delle Teenage Mutant Ninja Turtles ha consolidato il loro status di icone della cultura pop.

Le origini dei ninja possono essere immerse nella leggenda e nel mito, ma il loro impatto sulla storia e sulla cultura popolare giapponese è innegabile. Queste abili spie e agenti segreti hanno svolto ruoli cruciali nella raccolta di informazioni e nel controspionaggio durante i conflitti. Anche se la vera natura dei ninja non sarà mai del tutto conosciuta, la loro eredità continua a catturare l’immaginazione di persone in tutto il mondo. Dai loro umili inizi come guerrieri inafferrabili alla loro trasformazione in eroi della cultura pop, i ninja hanno lasciato un segno indelebile nella storia.

Etichettato:
Condividi questo articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *