Gesti malvagi al microscopio: Come la scienza forense ha aiutato a risolvere famosi casi di vero crimine

Vi siete mai chiesti come fanno i detective a risolvere misteri di omicidio apparentemente irrisolvibili? Probabilmente avete visto molti programmi televisivi in cui gli scienziati forensi scoprono piccoli indizi e catturano i cattivi con qualche gadget high-tech. Anche se alcune di queste cose sono esagerate per l’intrattenimento, la scienza forense è stata determinante per risolvere molti casi famosi della vita reale. Dall’analisi delle impronte digitali e del DNA alla ricostruzione delle scene del crimine, le tecniche forensi hanno aiutato a identificare numerosi colpevoli che pensavano di averla fatta franca. In questo articolo esploreremo come la scienza forense sia stata fondamentale nella risoluzione di alcuni noti casi di cronaca nera che hanno messo in crisi gli investigatori e assicurato alla giustizia pericolosi criminali. Continuate a leggere per scoprire i dettagli agghiaccianti di come la scienza e il lavoro investigativo si sono uniti per catturare gli assassini.

Che cos’è il vero crimine?

Il true crime è un genere incentrato su casi ed eventi criminali reali. A differenza dei misteri o dei thriller, il true crime tratta di crimini reali, di solito omicidi o altri atti di violenza. Questi casi reali hanno da tempo affascinato lettori e spettatori.

Alcuni esempi noti di storie di crimini veri sono:

  1. I famigerati omicidi commessi da Jack lo Squartatore nel 1888. Il caso irrisolto del serial killer che massacrò diverse donne nel quartiere londinese di Whitechapel incuriosisce ancora oggi.
  2. Lo scioccante rapimento e omicidio di Charles Lindbergh Jr. nel 1932, il figlio di 20 mesi del famoso aviatore Charles Lindbergh. Il “processo del secolo” portò all’esecuzione di Bruno Hauptmann, condannato per l’orribile crimine.
  3. Il famoso omicidio di Nicole Brown Simpson e Ron Goldman nel 1994. Il processo altamente pubblicizzato di O.J. Simpson, il principale sospettato degli omicidi ed ex marito della Brown Simpson, ha catturato l’attenzione del mondo.
  4. L’omicidio irrisolto del 1996 della reginetta di bellezza JonBenét Ramsey. La misteriosa morte della bambina di 6 anni nella sua casa in Colorado ha generato molte teorie su chi l’abbia uccisa.

Le storie di veri crimini sono state popolari per secoli e continuano ad affascinarci anche oggi. Che si tratti di libri, film, programmi televisivi o podcast, le persone non sembrano averne mai abbastanza di questi racconti drammatici e inquietanti sul mistero, l’omicidio e la psiche umana. Il genere non mostra segni di rallentamento a breve.

Casi famosi di cronaca nera che hanno sconvolto la nazione

Alcuni dei più noti casi di cronaca nera sono stati risolti grazie alla scienza forense. Questi casi scioccanti hanno appassionato la nazione per i dettagli cruenti e i colpi di scena che sono stati rivelati.

Il rapimento di Lindbergh

Nel 1932, il figlio del famoso aviatore Charles Lindbergh fu rapito e successivamente trovato morto. I rapitori avevano lasciato una richiesta di riscatto che aveva fatto sperare agli investigatori che il bambino fosse ancora vivo. Dopo aver rintracciato il legno usato per costruire la scala lasciata sulla scena del crimine e dopo aver analizzato la calligrafia della lettera di riscatto, gli investigatori hanno accusato Bruno Hauptmann del rapimento. In seguito è stato condannato e giustiziato.

Il killer dello zodiaco

Tra la fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70, il killer dello Zodiaco terrorizzò San Francisco. Ha ucciso almeno cinque persone e ha deriso la polizia con note criptiche e messaggi in codice. Sebbene l’assassino non sia mai stato catturato, la saliva presente sui francobolli potrebbe aver fornito un profilo del DNA. L’analisi della calligrafia ha anche suggerito che l’assassino aveva una personalità disturbata ed egocentrica. Alcuni teorizzano che gli omicidi dello Zodiaco siano rimasti irrisolti a causa della mancanza di tecnologia forense all’epoca.

Il caso Unabomber

Ted Kaczynski, noto come Unabomber, tra il 1978 e il 1995 ha preso di mira persone legate alla tecnologia moderna. Le sue bombe hanno ucciso tre persone e ne hanno ferite 23. L’FBI pubblicò il suo manifesto, sperando che qualcuno riconoscesse il suo stile di scrittura. Suo fratello si fece avanti, riconoscendo frasi che corrispondevano a lettere che aveva ricevuto. Gli investigatori trovarono prove nella baita di Kaczynski, tra cui materiale per bombe che corrispondeva ai dispositivi usati negli attentati. Kaczynski si è dichiarato colpevole e ora sta scontando l’ergastolo senza condizionale.

La scienza forense è stata determinante nel risolvere alcuni dei crimini più infami. Anche se macabri, questi casi dimostrano a che punto siamo arrivati nell’uso delle prove per scoprire la verità.

Come la scienza forense ha aiutato a risolvere il caso del killer dello Zodiaco

Il caso del Killer dello Zodiaco è uno dei più famigerati casi di omicidio seriale irrisolti della storia americana. Per anni, lo Zodiaco ha tormentato la polizia e i media con lettere criptiche e messaggi cifrati. Tuttavia, grazie alla scienza forense, gli investigatori sono riusciti a ricavare indizi fondamentali dai messaggi dell’assassino e dalle scene del crimine.

Nel 1969, il killer dello Zodiaco attaccò due studenti universitari in una zona isolata di Vallejo, in California. La polizia scoprì una scena del crimine insanguinata, ma la vittima femminile sopravvisse e fornì una descrizione del suo aggressore. La vittima maschile, invece, ha ceduto alle ferite. Durante l’aggressione, l’assassino ha perso un pezzo di un orologio raro e costoso. Un esperto ha analizzato il frammento dell’orologio e lo ha ricondotto a poche centinaia di orologi possibili: una pista importante.

L’assassino ha iniziato a inviare lettere in codice alla polizia e ai giornali, firmandole con il simbolo del cerchio incrociato. In una di queste, rivendicava la responsabilità degli omicidi, minacciava di uccidere ancora e sfidava la polizia a decifrare il suo codice. I decifratori hanno lavorato per giorni e alla fine hanno decifrato il messaggio, che però ha fornito poche informazioni utili. Tuttavia, la calligrafia e lo stile linguistico hanno fornito ulteriori indizi sul possibile background dell’assassino.

Dopo altri attacchi, lo Zodiaco inviò un’altra lettera contenente un pezzo di camicia insanguinato. Il test del DNA, sebbene all’epoca primitivo, indicò che il gruppo sanguigno corrispondeva a quello di una vittima, verificando l’autenticità della lettera. Nel 2002, la camicia è stata analizzata nuovamente con una tecnologia del DNA avanzata, ottenendo un profilo parziale del DNA dell’assassino dello Zodiaco. Tuttavia, non c’erano riscontri nelle banche dati criminali.

Anche se il caso rimane irrisolto, senza la scienza forense si saprebbe ben poco del Killer dello Zodiaco. La decifrazione dei codici, l’analisi della scrittura, le impronte digitali, il DNA: ogni tecnica ha fornito un nuovo pezzo del puzzle. Indizi allettanti come il frammento di orologio, i lembi di camicia insanguinati e il profilo del DNA continuano a far sperare che un giorno questo caso irrisolto possa essere risolto. L’assassino può aver eluso la polizia durante il suo regno del terrore, ma grazie all’instancabile lavoro degli scienziati forensi, la sua identità potrebbe essere ancora a portata di mano.

L’analisi del DNA e la cattura del Golden State Killer

L’analisi del DNA ha rivoluzionato le indagini criminali. Questo è più evidente che nel caso del Golden State Killer, un predatore seriale che ha terrorizzato la California negli anni Settanta e Ottanta. Per decenni la sua identità è rimasta un mistero. Fino a quando la scienza non lo ha raggiunto.

Nel 2018 le autorità hanno arrestato Joseph James DeAngelo, 72 anni, per i crimini del Golden State Killer. Sono riusciti a identificare DeAngelo grazie a una nuova tecnica che combina il DNA delle scene del crimine con i siti web di genealogia. Gli investigatori hanno caricato un campione di DNA da una delle scene del crimine su GEDmatch, un database pubblico di genealogia. Hanno trovato una corrispondenza familiare che li ha portati a identificare DeAngelo come sospetto.

Una volta messo nel mirino DeAngelo, gli investigatori hanno seguito i suoi spostamenti e raccolto campioni di DNA dai luoghi che frequentava, come un ristorante. Hanno confrontato questi campioni con le prove dei crimini del Golden State Killer, confermando di aver trovato il loro uomo. L’arresto di DeAngelo dimostra come poche cellule di DNA e un’abile tecnica genealogica possano svelare anche il più freddo dei casi.

DeAngelo si è dichiarato colpevole di 13 omicidi e 13 accuse di stupro nel 2020, ammettendo di essere il sadico Golden State Killer che perseguitava le vittime e le aggrediva nella sacralità delle loro case. I suoi crimini si sono estesi per almeno un decennio in alcune zone della California, rendendolo uno dei più prolifici criminali non identificati della storia degli Stati Uniti, finché la scienza non lo ha finalmente raggiunto.

Il caso del Golden State Killer evidenzia i progressi compiuti dalla scienza forense. Non molto tempo fa, senza il DNA o i siti web di genealogia, mostri come DeAngelo potevano rimanere senza volto e sfuggire alla giustizia. Grazie ai metodi moderni, anche gli assassini che si nascondono nell’ombra per decenni possono trovare le loro malefatte alla luce. L’era della mente criminale non identificata sembra volgere al termine. Nessuno, per quanto depravato, può sfuggire per sempre alla scienza e alla tecnologia.

Analisi degli schizzi di sangue nel processo OJ Simpson

Il processo per omicidio di O.J. Simpson del 1995 è stato un circo mediatico che ha affascinato la nazione. Una prova cruciale per l’accusa furono gli schizzi di sangue trovati sulla scena del crimine. L’analisi degli schizzi di sangue, una tecnica forense che utilizza le dimensioni, la forma e il modello delle gocce di sangue per ricostruire gli eventi, sembrava raccontare una storia schiacciante.

Impronte insanguinate

Sulla scena del crimine i detective trovarono impronte insanguinate che corrispondevano al numero di scarpe di O.J.. L’accusa ha sostenuto che le impronte erano state lasciate da O.J. mentre camminava tra le pozze di sangue dopo aver ucciso Nicole Brown Simpson e Ron Goldman. Tuttavia, il team di difesa di O.J. ha sostenuto che le impronte potrebbero essere state lasciate dal personale di polizia che ha calpestato la scena del crimine, contaminando le prove.

La traccia del sangue

Una scia di gocce di sangue si è allontanata dai corpi, lungo il camminamento dell’appartamento di Nicole, fino all’auto di O.J.. Secondo l’accusa, ciò dimostrava che O.J. aveva camminato verso la sua auto dopo gli omicidi con le scarpe e le mani sporche di sangue. Ma la difesa ha sostenuto che il sangue era stato messo in giro o contaminato dalla polizia.

Sangue sul guanto

Un guanto insanguinato è stato trovato sulla scena del crimine e il suo compagno è stato trovato vicino alla casa di O.J.. Il test del DNA ha dimostrato che il sangue sui guanti corrispondeva a quello di Nicole, Ron e O.J. Tuttavia, quando O.J. ha provato i guanti in tribunale, sembravano non andare bene, sollevando dubbi. L’accusa sostenne che i guanti dovevano essersi ristretti a causa del sangue, mentre la difesa affermò che questo dimostrava che le prove erano compromesse.

Le impronte insanguinate, le tracce di sangue e il guanto insanguinato sembravano provare la colpevolezza di O.J.. Tuttavia, questioni come la possibile contaminazione delle prove, la cattiva condotta della polizia e il guanto non adatto hanno fatto sorgere nella giuria un ragionevole dubbio. Dopo solo quattro ore di deliberazione, O.J. fu assolto da tutte le accuse, anche se in seguito fu ritenuto responsabile delle morti in un processo civile. Il processo a O.J. Simpson ha dimostrato che, sebbene la scienza forense possa fornire prove potenti, deve essere gestita in modo corretto per reggere in tribunale.

Impronte digitali e il killer BTK

Le impronte digitali sono state fondamentali per l’identificazione e la cattura di alcuni dei più noti criminali. Uno dei casi più noti in cui la prova delle impronte digitali è stata fondamentale è stato quello del BTK Killer, Dennis Rader.

Il killer BTK terrorizza Wichita

Tra il 1974 e il 1991, il BTK Killer (acronimo di “Bind, Torture, Kill”) ha ucciso 10 persone nell’area di Wichita, Kansas. Si introduceva nelle case, legava e strangolava le sue vittime, poi si abbandonava a inquietanti rituali con i corpi. L’assassino inviava lettere di scherno alla polizia e ai media, ma riusciva sempre a sfuggire alla cattura.

Nel 2004, Rader ha ripreso a inviare lettere, che alla fine hanno portato al suo arresto. La polizia è stata in grado di rilevare diverse impronte digitali parziali dalle lettere e di confrontarle con le impronte archiviate di Rader, che lavorava come responsabile della conformità. Interrogato, Rader ha confessato gli omicidi del BTK.

Le impronte digitali di Rader erano state raccolte durante un controllo di routine per il suo lavoro nel 1989. All’epoca, il confronto delle impronte digitali veniva effettuato manualmente e richiedeva ore. Nel 2004, i sistemi automatizzati di identificazione delle impronte digitali hanno permesso agli investigatori di cercare rapidamente tra migliaia di impronte per trovare una corrispondenza.

Il passato di Rader era senza pretese: viveva una vita apparentemente normale con una moglie e due figli. Questo caso ha evidenziato quanto possa essere pericoloso fare supposizioni basate sulle apparenze.

Le prove delle impronte digitali sono state fondamentali per identificare e fermare questo feroce assassino che è sfuggito alla giustizia per oltre 30 anni. I progressi della tecnologia e della medicina legale hanno fatto sì che i suoi giorni di terrore a Wichita fossero finalmente finiti. Il caso BTK ha dimostrato il potere della scienza e della perseveranza nel risolvere anche i casi più freddi. Le impronte digitali, in particolare, sono diventate uno strumento prezioso per identificare i colpevoli e consegnarli alla giustizia.

Gli esami tossicologici nell’omicidio di JonBenet Ramsey

L’esame tossicologico è stato fondamentale per risolvere l’omicidio di JonBenet Ramsey, 6 anni. Il 26 dicembre 1996, JonBenet fu trovata morta nel seminterrato della casa di famiglia a Boulder, in Colorado. La causa del decesso fu l’asfissia dovuta a strangolamento e a una frattura del cranio. Gli esperti di calligrafia analizzarono l’insolita lettera di riscatto lasciata sulla scena, ma il DNA e le impronte digitali non trovarono riscontri.

Gli investigatori si sono rivolti alla tossicologia forense per trovare indizi. Il corpo di JonBenet non mostrava segni di lotta, il che suggerisce che fosse incapace di intendere e di volere al momento dell’aggressione. I rapporti tossicologici non hanno rilevato la presenza di alcol, di comuni droghe da stupro o di narcotici nel suo organismo. Tuttavia, i medici legali hanno rilevato la presenza di un metabolita di una sostanza da banco chiamata brometalina, usata nel veleno per topi.

La brometalina è una neurotossina che provoca gonfiore al cervello, mal di testa, nausea e insufficienza respiratoria. A dosi sufficientemente elevate, può portare al coma e alla morte. La quantità trovata nell’organismo di JonBenet era una dose potenzialmente letale per una bambina della sua taglia.

La scoperta della brometalina fu una svolta. Qualcuno aveva dato o somministrato la tossina a JonBenet per sedarla. Probabilmente il rapitore non aveva intenzione di ucciderla inizialmente, ma la sua morte è stata il tragico risultato di un’overdose di questo veleno.

Con queste prove tossicologiche, gli investigatori hanno potuto dedurre una possibile sequenza di eventi. Il rapitore ha somministrato a JonBenet la brometalina per stordirla, poi ha iniziato a preparare la richiesta di riscatto e ad allestire la scena del crimine. Quando il rapitore si è reso conto che JonBenet aveva smesso di respirare, era ormai troppo tardi. In preda al panico, il rapitore ha strangolato e aggredito JonBenet per far credere che fosse stata uccisa durante un rapimento mal riuscito.

Ancora oggi l’omicidio di JonBenet rimane irrisolto. Tuttavia, i test tossicologici sono stati fondamentali per rivelare un pezzo chiave del puzzle e per indicare agli investigatori il probabile uso di un sedativo da parte del suo assassino. La scienza forense ha dato voce a una vittima che non poteva più parlare, contribuendo a svelare la sinistra verità che si cela dietro un atto malvagio.

La scienza forense digitale e la condanna di Paul Bernardo

La scienza forense digitale ha avuto un ruolo fondamentale nella condanna del serial killer canadese Paul Bernardo. Soprannominato lo “Stupratore di Scarborough”, Bernardo ha terrorizzato il sud dell’Ontario tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90, commettendo oltre una dozzina di brutali stupri e omicidi insieme alla moglie Karla Homolka.

Gli investigatori avevano raccolto prove di DNA dalle scene del crimine che indicavano lo stesso autore sconosciuto. Tuttavia, un campione di DNA di Bernardo è stato ottenuto solo nel 1993, quando è stato indagato per il rapimento e l’omicidio di due ragazze adolescenti. I test forensi confermarono che il DNA di Bernardo corrispondeva ai campioni degli stupri di Scarborough.

Anche il computer di casa di Bernardo ha fornito prove cruciali. Gli esaminatori forensi digitali sono stati in grado di recuperare i file cancellati che mostravano che Bernardo aveva fatto ricerche sulle sue vittime prima degli attacchi. Hanno trovato mappe scaricate dei quartieri in cui le vittime vivevano e lavoravano. La cronologia di Internet ha rivelato che Bernardo frequentava bacheche e chat room per discutere di fantasie sessuali violente, in particolare quelle che coinvolgevano ragazze adolescenti.

La cosa più dannosa sono state le foto digitali di Bernardo in posa con una giovane donna priva di sensi. In un primo momento, Homolka ha sostenuto che le foto ritraevano un atto sessuale consensuale. Tuttavia, l’analisi del timestamp digitale ha dimostrato che le foto erano state scattate nel periodo in cui Leslie Mahaffy, una delle vittime dell’omicidio, era tenuta prigioniera nella loro casa. Questa rivelazione ha portato Homolka ad accettare un patteggiamento in cambio della testimonianza contro Bernardo.

Grazie ai progressi della scienza forense, gli investigatori sono riusciti a collegare definitivamente Bernardo agli stupri di Scarborough attraverso il DNA. La scienza forense digitale lo ha ulteriormente collegato ai rapimenti e agli omicidi, dimostrando che aveva pedinato e pianificato le sue vittime. Le prove elettroniche, unite alla testimonianza di Homolka, hanno fatto sì che Bernardo venisse dichiarato colpevole di molteplici accuse di omicidio, rapimento e violenza sessuale aggravata. È stato condannato all’ergastolo e resterà dietro le sbarre a tempo indeterminato.

FAQ sui veri crimini: Le vostre domande più pressanti trovano risposta

Il true crime è un genere popolare, ma può anche sollevare molte domande. Ecco alcune delle domande più frequenti sul true crime, con le relative risposte.

Che cos’è esattamente il “true crime”?

Il vero crimine si riferisce a resoconti non narrativi di casi criminali reali. Comprende libri, podcast, programmi televisivi e documentari. Il vero crimine mira a esplorare omicidi reali, casi irrisolti e altri atti illeciti. Esempi popolari sono Serial, Making a Murderer e My Favorite Murder.

I creatori di veri crimini traggono profitto dalla tragedia?

Si tratta di una questione complessa, con argomenti validi da entrambe le parti. Mentre alcuni vedono il true crime come uno sfruttamento delle vittime e delle loro famiglie a scopo di intrattenimento, altri lo considerano come una sensibilizzazione su importanti questioni sociali, come le condanne ingiuste o la cattiva condotta della polizia. Come per ogni genere, dipende da come il materiale viene trattato in modo responsabile ed etico. Molti creatori mirano a raccontare storie con sensibilità, concentrandosi sull’umanità di tutte le persone coinvolte.

Le storie di true crime glorificano la violenza?

Questo è un altro dibattito ricco di sfumature. Alcuni studi hanno trovato un legame tra il consumo di media violenti e l’aumento dell’aggressività, ma le prove sono contrastanti. I veri crimini che indugiano su dettagli cruenti o trattano la violenza con leggerezza potrebbero potenzialmente normalizzare il male. Tuttavia, la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che, se fatto in modo responsabile, il true crime non deve necessariamente glorificare la violenza. Il genere può sensibilizzare l’opinione pubblica su questioni come l’abuso domestico o le carenze del sistema legale. Concentrarsi sull’umanità di tutte le persone coinvolte, trattare le vittime con dignità e condannare gli atti di violenza aiuta a prevenire la glorificazione.

Perché le persone sono così affascinate dai veri crimini?

Il fascino del true crime è dovuto ad alcune ragioni:

-Curiosità morbosa. La conoscenza di atti raccapriccianti stimola la nostra curiosità morbosa, anche se spiacevole.

-Risolvere i problemi. Cercare di risolvere i misteri insieme agli investigatori è avvincente. Vogliamo scoprire il colpevole.

-Brivido vario. Sperimentare la paura e la suspense di seconda mano ci dà una scarica di adrenalina senza un vero pericolo.

-Uno sguardo sulla natura umana. I veri crimini offrono uno sguardo sia sul bene che sul male di cui gli esseri umani sono capaci. Possiamo comprendere la psicologia e le motivazioni che spingono a compiere determinate azioni.

-Cercare la giustizia. Seguire un caso fino alla sua risoluzione, che si tratti di una condanna o di una rivendicazione, soddisfa il nostro innato desiderio di giustizia ed equità. Vogliamo che la verità venga a galla.

-Apprezzamento della propria sicurezza. Imparare a conoscere le minacce alla vita umana, anche se inquietanti, favorisce la gratitudine per la sicurezza della nostra vita. Proviamo sollievo per il fatto che la tragedia non sia accaduta a noi o ai nostri cari.

Ecco quindi che alcuni dei più famosi assassini e criminali sono stati assicurati alla giustizia grazie al meticoloso lavoro di scienziati e investigatori forensi. Anche se queste azioni malvagie continueranno a scioccarci e ad affascinarci, almeno possiamo consolarci sapendo che la scienza e la giustizia hanno prevalso. La prossima volta che vi addentrerete in una storia di cronaca nera, che sia in un libro, in un podcast o su Netflix, apprezzate il lavoro minuzioso che è stato fatto per risolvere il caso. E ricordate che, per quanto ci affascinino le menti sinistre di questi criminali, il bene trionferà sempre sul male finché ci saranno scienziati dedicati che lavorano dietro le quinte per scoprire la verità. Sogni d’oro!

Martin Cid Magazine
Martin Cid Magazine
Martin Cid Magazine (MCM) è una rivista culturale di intrattenimento, arte e spettacolo.
Articoli correlati
Articoli più popolari