Esplorare il passato imperiale di Seul nei suoi luoghi più maestosi

Gyeongbokgung Palace. By LEESUNGWOO - Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=58485729
Viaggi MCM
Viaggi MCM

Camminando per le strade affollate della Seul moderna, è facile dimenticare la storia imperiale della città che dura da oltre 600 anni. Tuttavia, dietro i grattacieli e i mercati affollati, si trovano ancora i resti della dinastia Joseon, che riportano a un’epoca in cui Seul era la patria di re e regine. Una visita ai siti storici più maestosi della città offre uno sguardo alla grandezza e all’opulenza del passato dinastico di Seul.

Palazzo Gyeongbokgung: Il più grande dei cinque grandi palazzi

Il Palazzo Gyeongbokgung, il più grande dei cinque grandi palazzi di Seoul, dovrebbe essere in cima alla vostra lista di cose da vedere. Costruito nel 1395, è stato il principale palazzo reale della dinastia Joseon per oltre 500 anni. Sebbene gran parte del palazzo sia stato distrutto durante l’occupazione giapponese, la sua architettura grandiosa e i suoi dettagli intricati incutono ancora timore.

Il palazzo conta più di 300 edifici, i più iconici dei quali sono il padiglione Gyeonghoeru e lo stagno Hyangwonjeong. Il Gyeonghoeru, un padiglione esagonale a due piani, si trova serenamente sopra lo stagno, riflettendosi nell’acqua ferma. Per godere della vista migliore, visitate il padiglione verso il tramonto. Lo stagno fu originariamente costruito per le imbarcazioni da diporto dei re, con il padiglione al centro che fungeva da area di riposo.

Nessun viaggio a Gyeongbokgung è completo senza aver assistito alla cerimonia del Cambio della Guardia, che si tiene ogni giorno alle 10.00 e alle 14.00 davanti alla Porta di Gwanghwamun. La porta è l’ingresso principale del palazzo e la sua imponente base in pietra e il tetto a più livelli la rendono un punto focale. Dopo aver esplorato il palazzo, visitate il National Folk Museum all’interno del complesso per conoscere la storia, le arti e la cultura coreana.

Con il suo vasto parco, la sua splendida architettura e il suo significato storico, il Palazzo Gyeongbokgung offre uno sguardo impareggiabile sul passato imperiale della Corea. Attraversate i grandiosi cancelli e capirete presto perché è uno dei luoghi più maestosi e importanti di Seoul.

Changdeokgung(Palace)
Changdeokgung(Palace). By Unknown author – 서울연구데이터베이스, CC BY 2.0 kr, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=103358397

Palazzo Changdeokgung: Il più bel giardino segreto

Per vivere appieno la storia imperiale di Seoul, una visita al Palazzo Changdeokgung è d’obbligo. Uno dei “Cinque Grandi Palazzi” costruiti dalla dinastia Joseon, il Palazzo Changdeokgung è riconosciuto come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO per la sua architettura ben conservata e i suoi magnifici giardini.

Costruito nel 1395, il Palazzo Changdeokgung è stato la principale residenza reale per oltre 260 anni. Il parco del palazzo presenta cancelli ornati, sale del trono ed edifici amministrativi. Tuttavia, il punto forte è senza dubbio il Giardino Segreto, una riserva di 78 acri aperta solo alle visite guidate. Sentieri tortuosi conducono attraverso prati splendidamente curati, laghetti pittoreschi e delicati padiglioni. In primavera, il giardino si anima con la fioritura dei ciliegi e delle azalee.

Per visitare il Giardino Segreto, è necessario partecipare a una delle visite guidate che si svolgono alle 10.00, 11.00, 14.00 e 15.00. I biglietti possono essere acquistati in loco, ma i posti si riempiono rapidamente, soprattutto durante l’alta stagione. Si consiglia di prenotare i biglietti in anticipo attraverso il sito ufficiale del palazzo.

Il Palazzo Changdeokgung offre uno sguardo all’opulenza e allo splendore della dinastia Joseon in Corea. Una passeggiata nel parco del palazzo vi trasporterà indietro nel tempo, mentre il Giardino Segreto offre una fuga tranquilla dal trambusto della Seoul moderna. Nessun viaggio nella capitale sudcoreana è completo senza aver esplorato questo monumento storico.

Deoksugung
Deoksugung. By 서울특별시 소방재난본부(Seoul Metropolitan Fire & Disaster Headquarters) – 서울특별시 소방재난본부(Seoul Metropolitan Fire & Disaster Headquarters), CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=45011886

Palazzo Deoksugung: Dove l’antico incontra il moderno

Il Palazzo Deoksugung è uno dei migliori esempi di architettura della dinastia Joseon a Seoul. Essendo uno dei “Cinque Grandi Palazzi” costruiti dalla dinastia Joseon, Deoksugung incorpora tra le sue mura sia edifici tradizionali coreani che in stile occidentale.

Architettura antica

Le antiche mura in pietra che circondano il Palazzo Deoksugung furono costruite nel XIV secolo. All’interno del palazzo, la Porta Daehanmun e la Sala Geunjeongjeon sono due delle più antiche strutture in legno sopravvissute a Seoul, costruite rispettivamente nel XIV e nel XV secolo. La Geunjeongjeon Hall, in particolare, è famosa per il suo tetto a due livelli e per il sistema di riscaldamento a pavimento.

Un mix di Oriente e Occidente

Nel 1897, il Palazzo Deoksugung divenne la principale residenza reale. Durante questo periodo, il re Gojong supervisionò la costruzione di edifici in stile occidentale all’interno delle mura del palazzo. Il contrasto tra l’architettura tradizionale coreana e quella neoclassica è sorprendente ma armonioso. Alcune delle sale in stile occidentale includono la Seokjojeon Hall e la Junghwajeon Hall.

Una finestra sulla vita reale

Il Palazzo Deoksugung offre ai visitatori uno spaccato della vita sfarzosa dei reali Joseon. La cerimonia del cambio della guardia, che si tiene tre volte al giorno davanti alla Porta Daehanmun, è una drammatica rievocazione di una processione reale del XIX secolo. Il Museo Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, situato all’interno del Palazzo Deoksugung, espone opere d’arte dal XX secolo ai giorni nostri, tra cui molti lavori di importanti artisti coreani.

Con la sua miscela di architettura antica e moderna sullo sfondo dei grattacieli di Seoul, il Palazzo Deoksugung offre un’affascinante visione della storia imperiale della Corea e del suo percorso verso la modernizzazione. Nessun viaggio a Seoul è completo senza una visita a questo magnifico palazzo reale.

Bukchon Hanok Village
Bukchon Hanok Village. By 서울특별시 소방재난본부(Seoul Metropolitan Fire & Disaster Headquarters) – 서울특별시 소방재난본부(Seoul Metropolitan Fire & Disaster Headquarters), CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=45011881

Villaggio Hanok di Bukchon: Le storiche case coreane prendono vita

Scoprite il cuore storico di Seoul al Bukchon Hanok Village, dove sono conservate centinaia di case tradizionali coreane chiamate “hanok”. Questo villaggio urbano nel centro della città è stato abitato per oltre 600 anni, consentendo di sperimentare l’architettura tradizionale e la cultura della dinastia Joseon.

Il Bukchon Hanok Village ospita oltre 900 case hanok con tetti di tegole, muri di pietra e pavimenti riscaldati, molte delle quali sono ancora abitazioni. Passeggiando per le strade e i vicoli pittoreschi, potrete dare un’occhiata alla vita tradizionale coreana. Alcune case hanok sono state trasformate in centri culturali, pensioni, ristoranti e case da tè, permettendo ai visitatori di apprezzarne la bellezza da vicino.

Il villaggio si trova tra il Palazzo Gyeongbokgung e il Palazzo Changdeokgung, due dei più grandiosi palazzi reali di Seoul. Salendo sui punti più alti del villaggio collinare si possono ammirare le viste panoramiche di questi monumenti storici con un mare di tetti hanok in primo piano. L’ambiente panoramico rende il Bukchon Hanok Village un luogo ideale per le foto.

Per esplorare il villaggio, partite dalla stazione di Anguk o da quella di Gyeongbokgung, poi perdetevi nei tortuosi sentieri. Alcuni punti salienti sono:

  • Gahoe-dong – L’area più panoramica con molti hanok ben conservati.
  • Sentiero Hanjeongmok – Un sentiero storico in pietra che collega i palazzi.
  • Bukchon Hanok Village Center – Mostre sull’architettura e la cultura hanok.
  • Some Seon Center – Un tempio buddista zen e uno degli hanok più antichi.
  • Pensioni Hanok – Molte offrono esperienze culturali come cerimonie del tè, calligrafia e produzione di ceramica.

Mentre Seoul si modernizza rapidamente, il Bukchon Hanok Village rimane un’oasi di tradizione nella città. Passare del tempo passeggiando per le pittoresche strade di questa enclave storica permette di sperimentare il fascino dell’antica Corea in mezzo al trambusto della capitale moderna. Nessun viaggio a Seoul è completo senza visitare questa preziosa capsula del tempo.

Namdaemun Market
Namdaemun Market. By d’n’c – https://www.flickr.com/photos/fukagawa/182679817/, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1630060

Mercato di Namdaemun: Il mercato più grande e vivace di Seul

Il mercato di Namdaemun, situato nel centro di Seoul, è il più grande mercato tradizionale della città. Aperto dal 1414, offre agli acquirenti uno sguardo al passato imperiale di Seoul e la possibilità di sperimentare la cultura tradizionale coreana. Con oltre 10.000 negozi e venditori distribuiti su 66 ettari, è il luogo ideale per acquistare qualsiasi cosa, dai prodotti freschi e i frutti di mare all’abbigliamento, all’artigianato e agli utensili da cucina.

Un sito storico

Il mercato di Namdaemun si trova accanto alla porta di Namdaemun, la più antica fortezza in pietra di Seoul. Costruita nel 1398, la porta era una parte importante delle mura originali della città. Il mercato si è sviluppato intorno a questa porta storica, con i venditori che hanno aperto i primi negozi all’inizio del XV secolo. Oggi, il mercato contiene molti edifici che risalgono all’inizio del XX secolo, conservando il suo carattere storico.

Trova i prodotti tradizionali

Al mercato di Namdaemun gli acquirenti possono trovare un’ampia gamma di prodotti tradizionali coreani. Dall’hanbok, il colorato abito tradizionale, alle scatole di lacca fatte a mano, ci sono molte opzioni per chi cerca souvenir unici. Il mercato è noto anche per il ginseng di alta qualità, i tè e altre erbe medicinali tradizionali. Per i cuochi, il mercato offre tutti gli ingredienti necessari per preparare i classici piatti coreani come kimchi, bibimbap e bulgogi.

Contrattare e sperimentare la cultura di Seul

I vivaci vicoli del mercato di Namdaemun offrono un’esperienza coinvolgente della cultura tradizionale di Seoul. Gli acquirenti devono contrattare con i venditori per ottenere le migliori offerte. I prezzi sono spesso significativamente più bassi rispetto ai normali negozi. Tra uno shopping e l’altro, fermatevi a mangiare cibo di strada, come hotteok (frittelle dolci) o mandu (ravioli). Oppure sedetevi per un pasto a base di naengmyeon, tagliatelle fredde di grano saraceno, o samgyetang, zuppa di pollo al ginseng. Osservate gli anziani che fanno acquisti esaminando i prodotti e i frutti di mare alla ricerca degli ingredienti più freschi, o i giovani che cercano le ultime tendenze della moda K-pop.

Il mercato di Namdaemun offre ai visitatori uno sguardo sulla cultura, la storia e la vita quotidiana di Seoul. Nessun viaggio nella capitale sudcoreana è completo senza aver esplorato questo leggendario mercato. Vagando per il suo labirinto di vicoli, troverete esposto di tutto, dalle antiche tradizioni alle tendenze moderne.

Dongdaemun Design Plaza
Dongdaemun Design Plaza. By Eugene Lim – commons:File:Dongdaemun Design Plaza at night, Seoul, Korea.jpg, CC BY 2.0, https://en.wikipedia.org/w/index.php?curid=68358278

Dongdaemun Design Plaza: Architettura e design iconici

Il Dongdaemun Design Plaza è un complesso futuristico nel centro di Seoul che ospita gallerie, spazi per eventi e un mercato del design. Progettato dall’architetto di fama mondiale Zaha Hadid, il DDP è uno straordinario esempio di architettura contemporanea.

Esterno

La facciata metallica curvilinea del DDP ricorda un’astronave. I suoi pannelli di alluminio riflettono il paesaggio urbano circostante di giorno e brillano di notte quando sono illuminati. Le forme fluide dell’edificio contrastano con i grattacieli squadrati che lo circondano, rendendolo una parte iconica dello skyline di Seul.

Interno

L’interno è altrettanto sorprendente. Una passerella ondulata guida i visitatori attraverso cavernose sale per eventi e gallerie. Il DDP ospita strutture culturali come la Seoul Design Foundation e il Dongdaemun History and Culture Park. Ospita fiere di design, mostre e altri eventi culturali che promuovono il design coreano.

Posizione

Il DDP si trova a Dongdaemun, un quartiere commerciale storico. Si trova sull’ex sito dello stadio di Dongdaemun, costruito nel 1925 durante la dominazione giapponese. Il DDP mira a fondere l’eredità del design coreano con la sua modernità e a rilanciare l’area come centro della moda e del design. È adiacente a mercati tentacolari come il mercato di Dongdaemun, un’area commerciale popolare per l’abbigliamento, i tessuti e l’artigianato.

Impatto

Dalla sua apertura nel 2014, il DDP è diventato un simbolo iconico di Seoul. Il suo design futuristico contrasta con i palazzi e i templi per cui la città è conosciuta, rappresentando l’ambizione della Corea di diventare un leader globale nel design e nella tecnologia. Il DDP attira gli appassionati di design e i turisti interessati alla cultura contemporanea di Seoul. Insieme a strutture come la Seoul Design Foundation, mira a promuovere i designer coreani e il design come industria culturale.

Il DDP è uno straordinario esempio di architettura del XXI secolo e un importante centro di design a Seoul. Esplorare le sue gallerie e gli eventi offre una visione del futuro del design e della cultura coreana. Nessun viaggio a Seoul è completo senza aver visto questo edificio iconico.

N Seoul Tower
N Seoul Tower. By CYAN – Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=56630390

Torre Namsan: vista mozzafiato sulla città

La Torre Namsan, nota anche come N Seoul Tower, è uno dei punti di riferimento più iconici di Seoul. Con i suoi 480 metri di altezza, offre una vista panoramica della città dal suo ponte di osservazione.

Come arrivare

La torre si trova sul monte Namsan, nel centro di Seul. Il modo più semplice per raggiungerla è prendere una funivia per salire sulla montagna. Le funivie partono dalla base della torre e dalla stazione di Myeongdong. Per un viaggio più panoramico, è possibile percorrere uno dei numerosi sentieri che partono dal tunnel 3 di Namsan o dal municipio di Seoul.

Una volta in cima, recatevi al ponte di osservazione della torre. Nelle giornate limpide, sarete ricompensati con una vista mozzafiato a 360 gradi del moderno skyline di Seoul, compreso il fiume Hangang e il Parco Nazionale di Bukhansan. Quando cala la notte, migliaia di luci illuminano la città, creando un mare abbagliante di neon. Anche la torre stessa è illuminata, diventando così una parte iconica del paesaggio urbano notturno di Seoul.

Oltre al ponte di osservazione, il complesso della torre contiene negozi di souvenir, ristoranti e un osservatorio digitale. L’osservatorio digitale illustra la storia e la cultura di Seoul attraverso la realtà virtuale e mostre multimediali. Vi sono anche un museo degli orsacchiotti, la Seoul Tower Plaza e il ristorante Hancook, che serve cucina coreana tradizionale e offre una vista panoramica.

Una visita alla Torre Namsan è essenziale per capire perché Seul è conosciuta come “l’anima dell’Asia”. Osservando la città da questo storico punto di riferimento, inizierete a comprendere il mix di antico e moderno che conferisce a Seul il suo carattere unico. Potrete capire quanto la Corea del Sud sia progredita fino a diventare una potenza economica globale con una cultura vibrante.

La Torre Namsan regna su Seoul sia di giorno che di notte, simbolo dello spirito indomito della città. Nessun viaggio nella capitale sudcoreana è completo senza salire sulla sua cima.

Cheonggyecheon, Seoul, 2012
Cheonggyecheon, Seoul, 2012. By Grayswoodsurrey – Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=33097537

Torrente Cheonggyecheon: Un’oasi in città

Il ruscello Cheonggyecheon è un’oasi di bellezza naturale in mezzo al trambusto del centro di Seoul. Ripristinato nel 2005, questo ruscello di 5,8 km scorre nel cuore della città, offrendo una tregua dai grattacieli e dal traffico circostanti.

Un luogo di storia

Per oltre 600 anni, il ruscello Cheonggyecheon ha svolto un ruolo importante nella vita quotidiana degli abitanti di Seoul. Durante la dinastia Joseon, il ruscello veniva utilizzato per il trasporto, il commercio e l’agricoltura. Purtroppo, con la modernizzazione di Seoul, il ruscello si è inquinato e alla fine è stato ricoperto di asfalto. Il progetto di restauro ha riportato alla luce il ruscello sotto la superstrada e lo ha fatto rivivere come punto di riferimento culturale.

Una fuga naturale

Il ruscello Cheonggyecheon offre un sereno spazio naturale nel centro della città. Con i suoi sentieri, giardini e installazioni artistiche, il ruscello attira abitanti e turisti in cerca di aria fresca e di verde. Oltre 22.000 pesci e diverse specie di uccelli popolano oggi il ruscello, a testimonianza del successo del ripristino della biodiversità. I visitatori possono passeggiare o andare in bicicletta lungo i sentieri, osservare la fauna selvatica o semplicemente sedersi in silenzio.

Un luogo per imparare

Cartelli informativi raccontano la storia del torrente Cheonggyecheon. I visitatori possono conoscere il suo importante ruolo nello sviluppo di Seoul, gli ecosistemi del passato e il vasto processo di restauro. Il ruscello ospita anche il Museo Cheonggyecheon, che documenta la sua trasformazione e il suo significato ambientale.

Il restauro del ruscello Cheonggyecheon dimostra come natura e cultura possano coesistere in armonia anche in una città moderna e vivace. Riportando alla luce un pezzo di storia vivente, il progetto ha restituito a Seoul una parte importante della sua identità e ha fornito un’oasi di calma in mezzo al caos della vita quotidiana. Nessuna visita a Seoul è completa senza aver trascorso del tempo a passeggiare lungo le sue rive serene.

Jogyesa Temple
Jogyesa Temple. By Francisco Anzola – Jogyesa Temple, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=32183766

Tempio di Jogyesa: Trovare lo zen a Seul

Uno dei luoghi più importanti per comprendere la storia buddista di Seoul è il Tempio di Jogyesa. Tempio principale dell’ordine Jogye del buddismo coreano, il Tempio Jogyesa permette ai visitatori di capire come il buddismo abbia plasmato la cultura coreana.

Quando si entra nel parco del tempio, la prima cosa che si nota è l’elegante pagoda in pietra. Costruita nel 1938, questa pagoda testimonia la lunga storia del tempio. Successivamente, ci si dirige verso Daeungjeon, la sala principale. All’interno, un’enorme statua dorata di Buddha si trova in cima a un fiore di loto intricatamente scolpito. Questa figura rappresenta la purezza del corpo, della parola e della mente.

Intorno alla sala principale si trovano numerosi edifici più piccoli utilizzati per la meditazione, le lezioni e le cerimonie. Se la visita arriva al momento giusto, si può assistere ai monaci che cantano i sutra o partecipano ai rituali. I suoni di tamburi, campane e canti riempiono l’aria.

Il tempio dispone anche di giardini ben curati, laghetti e sentieri. Passeggiando, si trovano numerosi piccoli santuari e statue che onorano divinità e filosofi buddisti. I giardini sono particolarmente belli in primavera quando i ciliegi sono in fiore o in autunno quando il fogliame cambia colore.

Una parte essenziale di ogni visita è l’osservazione dei monaci che studiano e vivono nel tempio. Potrete vederli impegnati in attività quotidiane come la preparazione dei pasti, la pulizia o la meditazione. Il loro stile di vita sereno e disciplinato è un esempio degli insegnamenti buddisti in azione.

Il Tempio di Jogyesa è un’oasi di tranquillità nella frenetica città. Passeggiando per il parco, potrete comprendere i principi buddisti fondamentali della consapevolezza, della semplicità e dell’armonia con la natura. Anche se vecchio di secoli, il tempio è ancora molto importante e continua a plasmare l’identità culturale coreana. Una visita qui permette di scoprire un po’ dell’anima di Seoul.

Passeggiando per le sale dei palazzi e dei templi più grandiosi di Seoul, la storia imperiale della città prende vita. Al Palazzo Gyeongbokgung, la cerimonia del cambio della guardia vi trasporta nell’epoca Joseon, mentre le guardie pattugliano gli antichi sentieri di pietra. Al Palazzo Changdeokgung, i laghetti e i padiglioni del Giardino Segreto offrono uno sguardo sulla vita dei reali del passato. Al Tempio di Jogyesa, il canto ritmico dei monaci buddisti riecheggia nelle sale di legno del tempio, ricordando le profonde radici spirituali della Corea.

I siti imperiali di Seoul mostrano la bellezza, la resistenza e lo spirito duraturo della città. Anche se le dinastie sono sorte e cadute, questi luoghi sono una testimonianza del nobile e indimenticabile passato di Seoul. Una visita ai monumenti più maestosi della città vi mette in contatto con secoli di storia in modo profondo e memorabile.

Condividi questo articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *