Grotta Rising Star

By Animalparty - Own work, This file was derived from: Geological map and cross-section of the Rising Star cave system.jpg, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=43681915

La grotta di Rising Star è ciò che viene definito un sistema di grotte carsiche. Si trova nel sito del patrimonio mondiale dell’umanità Cradle of Humankind in Sudafrica, nelle dolomiti di Malmani, nella valle del fiume Bloubank, a circa 800 metri a sud-ovest di Swartkrans. Il sistema di grotte comprende un’area di passaggi mappati di 250 × 150 m situati nel nucleo di una piega aperta che si inclina dolcemente verso ovest (17°), ed è legato stratigraficamente a un orizzonte di dolomia stromatolitica spesso di 15-20 m nella parte inferiore della Formazione Monte Christo. Questo orizzonte di dolomia è in gran parte privo di selce ma contiene cinque sottili orizzonti di marcatori di selce (<10 cm) che sono stati utilizzati per valutare la posizione relativa delle camere all’interno del sistema.
È stata scoperta e osservata per la prima volta negli anni ’60 da speleologi dilettanti. Tuttavia, è stato solo nel 2013 che la grotta ha fatto notizia quando un team di scienziati guidato da Lee Berger ha scoperto un tesoro di fossili nella Camera Dinaledi. I fossili, che rappresentano almeno 15 individui, sono stati trovati in uno spazio ristretto di difficile accesso. Di conseguenza, gli scienziati hanno dovuto sviluppare una tecnica speciale chiamata “arrampicata verticale” per raggiungere i fossili.

I fossili trovati nella grotta di Rising Star sono stati datati tra 3,4 e 2,1 milioni di anni fa. Rappresentano una specie di ominide precedentemente sconosciuta, che è stata chiamata Homo naledi. Homo naledi è un ominide di piccola taglia con una combinazione di caratteristiche primitive e derivate. Ad esempio, ha un cervello piccolo, simile a quello di una scimmia, ma ha anche caratteristiche associate alla bipedalità, come le gambe lunghe e il bacino curvo.

La scoperta di Homo naledi nella grotta di Rising Star ha gettato nuova luce sull’evoluzione degli ominidi primitivi. Suggerisce che c’era una grande diversità tra gli ominidi primitivi e che alcune specie erano capaci di comportamenti complessi, come la sepoltura deliberata. La grotta di Rising Star è un sito significativo per l’evoluzione umana e probabilmente continuerà a fornire importanti approfondimenti sul nostro passato.

Importanza della grotta di Rising Star

La grotta di Rising Star è significativa per diversi motivi. In primo luogo, è uno dei siti paleoantropologici più ricchi al mondo. Finora sono stati trovati più di 1. 50 ossa di ominidi nella grotta, che rappresentano almeno 15 individui. Si tratta di un numero significativo di fossili che fornisce una ricchezza di informazioni sull’evoluzione degli ominidi primitivi.

In secondo luogo, i fossili trovati nella grotta di Rising Star sono relativamente ben conservati. Questo è dovuto al fatto che la grotta si trova in un ambiente carsico, il che significa che le ossa sono state protette dagli agenti atmosferici. Di conseguenza, i fossili offrono una visione dettagliata dell’anatomia di Homo naledi.

In terzo luogo, la grotta di Rising Star è significativa perché fornisce prove di sepoltura deliberata. Nella Camera Dinaledi, i fossili sono stati trovati in uno spazio ristretto e disposti in modo da suggerire che siano stati collocati lì deliberatamente. Questa è la prima evidenza di sepoltura deliberata in un sito di ominidi e suggerisce che Homo naledi avesse una comprensione complessa della morte e dell’aldilà.

La grotta di Rising Star è un sito significativo per l’evoluzione umana e probabilmente continuerà a fornire importanti approfondimenti.

Condividi questo articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *