Wassily Kandinsky

Wassily Kandinsky
Lisbeth Thalberg

Wassily Kandinsky, nato il 16 dicembre 1866 a Mosca, in Russia, è stato un rinomato pittore e teorico dell’arte russo. È considerato uno dei pionieri dell’astrazione nell’arte occidentale. Nel corso della sua carriera, Kandinsky ha esplorato la forza espressiva del colore, della forma e della linea, creando opere innovative che sfidavano le convenzioni artistiche tradizionali. Questo articolo approfondisce la vita e il percorso artistico di Wassily Kandinsky, ripercorrendo il suo sviluppo come artista e i suoi contributi significativi al mondo dell’arte astratta.

Wassily Kandinsky
Wassily Kandinsky. Mit Dem Schwarzen Boden, 1912, Centre Pompidou, Parigi. Da Sailko – Lavoro proprio, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=47561406

Kandinsky nacque a Mosca da una famiglia benestante, dove ebbe un’educazione culturalmente ricca. L’esposizione precoce all’arte, in particolare ai colori vivaci e al design dell’arte popolare, ha lasciato in lui un’impressione duratura. Nonostante i genitori si aspettassero che intraprendesse la carriera di avvocato, il fascino di Kandinsky per il simbolismo dei colori e la psicologia lo portò a scegliere una strada diversa.

Dopo aver completato la sua formazione all’Università di Mosca, Kandinsky intraprende la carriera di insegnante. Tuttavia, la sua vera passione per l’arte si è presto imposta al centro dell’attenzione, spingendolo a lasciare la sua professione di successo e a dedicarsi interamente alla pittura. Nel 1896, Kandinsky si trasferisce a Monaco di Baviera, in Germania, un centro di attività artistica dell’epoca.

Wassily Kandinsky
Wassily Kandinsky. Paesaggio con macchie rosse, n. 2, 1913

A Monaco di Baviera, Kandinsky si immerse nella vivace comunità artistica, studiando sotto la guida di artisti rinomati come Anton Ažbe e Franz von Stuck. Sperimenta vari stili e tecniche, allontanandosi gradualmente dall’arte rappresentativa per avvicinarsi all’astrazione. Gli incontri di Kandinsky con le opere di Monet e la musica di Wagner alimentarono ulteriormente la sua esplorazione del colore e della forma.

In questo periodo Kandinsky forma gruppi artistici come Phalanx e il Nuovo Gruppo di Artisti, dove espone le sue opere e promuove idee innovative. I suoi dipinti di questo periodo presentano una miscela unica di colori vivaci, linee decise e forme astratte. Tra le opere degne di nota di questo periodo ricordiamo “Blue Rider” (1903) e “The Gulf Coast in Holland” (1904).

Wassily Kandinsky
Wassily Kandinsky. In grigio, olio su tela 129х176 sm, Parigi, Musee National Art Moderne, Centre Georges Pompidou

Nel 1911, Kandinsky è cofondatore dell’influente movimento Blue Rider insieme all’artista Franz Marc. Il gruppo ha cercato di esplorare il potenziale espressivo del colore e della forma, abbracciando la spiritualità e il potere simbolico dell’arte. Gli scritti teorici di Kandinskij, come “Concerning the Spiritual in Art” (1911), consolidarono ulteriormente la sua posizione di leader del movimento dell’arte astratta.

In questo periodo le opere di Kandinsky diventano sempre più astratte, allontanandosi dai soggetti rappresentativi. Si è addentrato nel regno del subconscio, utilizzando colori e forme per evocare emozioni ed esperienze spirituali. Tra le opere degne di nota di questo periodo c’è “Composizione VII” (1913), un dipinto complesso e dinamico che mostra la maestria di Kandinsky nella composizione astratta.

Wassily Kandinsky
Wassily Kandinsky. Sul bianco II, 1923, Centre Pompidou, Parigi

Lo scoppio della Prima guerra mondiale nel 1914 spinse Kandinsky a tornare in Russia. Si è impegnato nell’amministrazione culturale di Anatoly Lunacharsky e ha avuto un ruolo nella creazione del Museo della cultura della pittura. Tuttavia, la visione spirituale di Kandinsky si scontra con l’ideologia materialista della società sovietica, portandolo a cercare opportunità altrove.

Nel 1920 Kandinsky lascia la Russia e torna in Germania. Si unisce alla facoltà della rinomata scuola d’arte e architettura Bauhaus, dove insegna e continua a sviluppare le sue teorie artistiche. Il periodo trascorso da Kandinsky al Bauhaus segnò un periodo significativo di sperimentazione e collaborazione con altri artisti d’avanguardia, tra cui Paul Klee e Lyonel Feininger.

Wassily Kandinsky
Wassily Kandinsky. Alleanza interna, 1929, Albertina, Vienna

L’ascesa del regime nazista in Germania costrinse Kandinsky a fuggire ancora una volta, questa volta in Francia. A Parigi trova una nuova casa e continua a produrre opere d’arte che mostrano il suo stile in evoluzione. Le opere successive di Kandinsky sono caratterizzate da palette di colori più tenui, forme biomorfe e un senso di capriccio e giocosità.

Pur vivendo in un relativo isolamento e affrontando le sfide per ottenere il riconoscimento della sua arte astratta, Kandinsky rimase impegnato nella sua visione artistica. Ha continuato a esplorare i confini dell’astrazione, creando opere profondamente personali e di risonanza spirituale. Tra i dipinti degni di nota degli anni parigini ricordiamo “Sky Blue” (1940) e “Complex-Simple” (1939).

Wassily Kandinsky
Huile sur toile (1925) di Vassily Kandinsky. Musée National d’Art Moderne, Parigi, Francia. Donazione Nina Kandinsky 1976. AM 1976-856

Il contributo di Wassily Kandinsky al mondo dell’arte non può essere sopravvalutato. Il suo lavoro pionieristico nell’astrazione ha aperto la strada alle future generazioni di artisti, sfidando le nozioni tradizionali di rappresentazione e aprendo nuove possibilità di espressione artistica. Le teorie di Kandinsky sugli aspetti spirituali dell’arte continuano a risuonare tra gli artisti e gli appassionati d’arte.

Oggi le opere di Kandinsky si trovano in prestigiosi musei e gallerie di tutto il mondo, dove continuano ad affascinare il pubblico con i loro colori vibranti, le composizioni dinamiche e la profondità spirituale. La sua eredità di pioniere dell’arte astratta rimane una testimonianza del suo impegno costante nel superare i confini dell’espressione artistica.

Wassily Kandinsky
Vassily Kandinsky, 1913 – Composizione 7

Il viaggio di Wassily Kandinsky come artista è un racconto stimolante di evoluzione ed esplorazione artistica. Dai primi anni a Mosca fino al lavoro innovativo a Monaco e agli ultimi anni in Francia, Kandinsky ha continuamente spinto i confini dell’arte, sfidando le convenzioni e ridefinendo le possibilità dell’espressione astratta. La sua eredità di pioniere dell’astrazione e la sua profonda influenza sul mondo dell’arte continuano a essere celebrate ancora oggi. Il contributo di Wassily Kandinsky all’arte sarà per sempre ricordato come una testimonianza del potere della creatività e delle infinite possibilità dell’espressione artistica.

Wassily Kandinsky
Lirica. Wassily Kandinsky
Condividi questo articolo
Seguire:
Giornalista e artista (fotografo). Redattore della sezione arte di MCM. Contatto: art (@) martincid (.) com
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *