Ueli Steck

2 Ottobre 2023
Ueli Steck
Ueli Steck

Ueli Steck è un famoso alpinista svizzero, nato il 4 ottobre 1976 a Langnau im Emmental, in Svizzera. Si è guadagnato il soprannome di “Swiss Machine” grazie alle sue notevoli ascensioni in solitaria e ai suoi record di velocità.

La passione di Steck per l’arrampicata è nata fin dall’infanzia, quando inizialmente giocava a hockey su ghiaccio. All’età di 12 anni scopre l’arrampicata su roccia e si iscrive al Club Alpino Svizzero. A 18 anni Steck aveva già conquistato l’impegnativa parete nord dell’Eiger e il pilastro Bonatti nel massiccio del Monte Bianco. Nel 1998 ha superato in solitaria l’Haston Couloir sul Mönch in sole 3 ore, seguito dalla via Lauper sull’Eiger in 5 ore l’anno successivo. In collaborazione con Ueli Bühler, Steck ha realizzato la prima ascensione della parete ovest del Monte Pumori nel 2001. In seguito, in coppia con Stephan Siegrist, ha effettuato diverse ascensioni, tra cui “The Young Spider” (2002) e “La Vida es Silbar” (2003) sulla parete nord dell’Eiger. Nel 2004 hanno compiuto un’impresa straordinaria, scalando le tre pareti nord dell’Eiger, del Mönch e della Jungfrau in sole 25 ore. Steck ha continuato le sue imprese in solitaria nel 2005, completando con successo le prime ascensioni in solitaria della parete nord del Cholatse (6.440 m) e della parete ovest del Tawoche (6.505 m).Steck si è fatto notare per i suoi record di velocità nell’alpinismo. Nel 2007 ha stabilito un nuovo record per la parete nord dell’Eiger, completandola in sole 3 ore e 54 minuti. Superando il suo stesso record, Steck ha raggiunto il sorprendente tempo di 2 ore, 47 minuti e 33 secondi nel febbraio dell’anno successivo.

Nel maggio 2008, mentre si preparavano per una spedizione sulla parete sud dell’Annapurna, Steck e Simon Anthamatten si sono imbarcati in una missione di soccorso per assistere l’alpinista Iñaki Ochoa de Olza. Purtroppo, a causa dell’alta quota, non è stato possibile utilizzare un elicottero di soccorso e Ochoa è tragicamente deceduto il 23 maggio. Steck è rimasto al suo fianco fino alla fine, dimostrando il suo impegno incrollabile.

Il 13 gennaio 2009, Steck ha compiuto una trilogia da record salendo la parete nord dell’Eiger, la Grande Jorasse e il Cervino nel sorprendente tempo di 1 ora e 56 minuti. Nel 2009 gli è stato conferito il prestigioso Piolet d’Or per il risultato tecnico ottenuto nella prima salita della parete nord del Tengkampoche (6.500 m) insieme a Simon Anthamatten. Continuando le sue notevoli imprese in solitaria, Steck ha conquistato con successo il Gasherbrum II (8.035 m) il 9 luglio 2009, segnando la sua prima salita di una vetta di 8.000 metri.

Nel 2011, Steck ha compiuto un’altra incredibile impresa scalando la parete sud dello Shisha Pangma (8.013 m) nel tempo record di 10 ore e 30 minuti. Solo 18 giorni dopo, il 5 maggio, ha conquistato il Cho Oyu (8.201 m) insieme a Don Bowie. Il 18 novembre 2011, Steck ha presentato il suo film “Ueli Steck: Speed” a Martigny, in Svizzera. Nell’agosto 2012 ha compiuto il trittico Eiger-Mönch-Jungfrau in meno di 12 ore. Il 9 ottobre 2013, Steck ha aggiunto un’altra pietra miliare alla sua lista di successi con la scalata in solitaria della parete sud dell’Annapurna. Nell’estate del 2015 ha intrapreso il progetto #82summits insieme a Michael Wohlleben, completando con successo oltre 4.000 metri di vette nelle Alpi senza l’uso di mezzi di trasporto a motore. Steck ha concluso il progetto in ben 62 giorni.

L’11 novembre 2015, Steck e Nicolas Hojac hanno infranto il record di salita in cordata scalando la parete nord dell’Eiger attraverso la via Heckmair in sole 3 ore e 46 minuti. Solo cinque giorni dopo, il 16 novembre 2015, Steck ha superato il suo stesso record, completando l’Eiger nel sorprendente tempo di 2 ore, 22 minuti e 50 secondi.

Tragicamente, il 30 aprile 2017, mentre si allenava per un’ambiziosa scalata combinata dell’Everest e del Lhotse in 48 ore e senza ossigeno attraverso la via della cresta ovest, Steck è scivolato su un pezzo di ghiaccio. Questo sfortunato incidente ha provocato una caduta fatale di 1.000 metri da una delle pareti del Nupt

Ueli Steck New Speed Record Eiger 2015
Avatar di Penelope H. Fritz

Penelope H. Fritz

Penelope H. Fritz è una scrittrice altamente qualificata e professionale, con un talento innato nel catturare l'essenza degli individui attraverso i suoi profili e le sue biografie. Le sue parole sono eloquenti e penetranti, dipingono un quadro vivido dei suoi soggetti e lasciano i lettori affascinati.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articoli più recenti