Marc Chagall

Marc Chagall
Lisbeth Thalberg Lisbeth Thalberg

Pittura

Forse non conoscete ancora il nome di Marc Chagall, ma i suoi dipinti magistrali e stravaganti hanno contribuito a fare da pionieri dell’arte moderna all’inizio del XX secolo. Tra gli artisti più acclamati dell’epoca modernista, l’arte fantastica e onirica di Chagall esplorava il colore e la forma in modo innovativo. I suoi dipinti raffiguravano un mondo immaginario di folklore e fantasia che incorporava elementi surreali e stravaganti. Chagall nacque in Russia ma trascorse gran parte della sua vita in Francia e la sua arte fu influenzata dai movimenti artistici di entrambi i Paesi, tra cui il Primitivismo, il Cubismo e il Fauvismo. Tuttavia, lo stile di Chagall rimase distintamente suo. La sua opera abbraccia molti decenni e molti mezzi, tra cui la pittura, la stampa, l’illustrazione, le vetrate, gli arazzi e la ceramica. Chagall visse fino all’età di 97 anni, assistendo al riconoscimento globale della sua arte e cementando il suo status di figura seminale dell’arte moderna.

Marc Chagall
Marc Chagall, 1912, Calvario (Golgota), olio su tela, 174,6 × 192,4 cm, Museum of Modern Art, New York. Di Peter Lucas – Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=19216632

Lo stile artistico e le influenze di Chagall

Come pittore modernista, lo stile artistico di Marc Chagall è stato influenzato da diversi importanti movimenti artistici dell’inizio del XX secolo, tra cui il primitivismo, il fauvismo e il surrealismo.

Il primitivismo, con la sua attenzione al folklore e alle espressioni ingenue e infantili, ispirò Chagall a incorporare elementi dell’arte popolare russa nei suoi dipinti. Tra questi, l’uso di colori intensi e la semplificazione delle forme.

Anche il movimento fauvista, che enfatizzava l’uso espressivo di colori vibranti, influenzò in modo significativo l’uso di Chagall di colori audaci e innaturalistici per evocare emozioni. I suoi dipinti sono caratterizzati da una qualità sognante e fantastica, con toni blu e verdi profondi contrastati da rossi, gialli e rosa brillanti.

Il Surrealismo ebbe un’influenza più sottile sullo stile di Chagall. Come i surrealisti, Chagall mirava a creare scene e giustapposizioni illogiche in uno stile semi-realistico. I suoi dipinti raffigurano spesso figure stravaganti e fluttuanti e oggetti che non sono vincolati dalle leggi della fisica. Tuttavia, Chagall rifiuta i temi cupi e psicanalitici dell’arte surrealista, dipingendo invece scene d’amore, di gioia e di vita del villaggio ebraico.

Combinando abilmente molteplici influenze, Chagall ha creato il proprio stile distinto. Il suo uso magistrale del colore e delle scene poetiche e stravaganti lo hanno reso una delle figure più importanti dell’arte del XX secolo. I dipinti di Chagall che ritraggono l’amore e il folklore ebraico hanno risuonato tra gli amanti dell’arte di tutto il mondo, cementando il suo status di pioniere dell’arte moderna.

Marc Chagall
Marc Chagall, 1911-12, L’ubriacone (Le saoul), 1912, olio su tela. 85 × 115 cm. Collezione privata. Di Marc Chagall – Der Sturm, volume 11, numero 3, 5 giugno 1920, p. 41, PD-US, https://en.wikipedia.org/w/index.php?curid=44968774

Temi chiave nei dipinti di Chagall

Pioniere dell’arte moderna, i dipinti di Marc Chagall hanno esplorato diversi temi chiave nel corso della sua lunga carriera.

Un tema centrale era la sua eredità russa ed ebraica. Nato in Bielorussia, le opere di Chagall incorporano immagini del folklore russo e delle tradizioni religiose ebraiche. Il suo stile vivace e stravagante combina fantasia e spiritualità, come si vede in opere come “Io e il villaggio” (1911), che giustappone immagini di contadini e animali da fattoria a una personificazione dell’Eterno Ebreo.

Un altro tema è quello dell’amore e del romanticismo. I dipinti di Chagall raffigurano spesso momenti di tenerezza tra coppie, utilizzando uno stile sognante e poetico. Opere come “Compleanno” (1915) e “Il sogno” (1910) ritraggono amanti affettuosi a mezz’aria, trasmettendo un senso di euforia e beatitudine. Per Chagall, l’amore sembrava trascendere il mondo fisico.

Infine, Chagall esplorò la disumanità dell’uomo nei confronti dell’uomo. Anche se meno frequenti nella sua opera, alcuni dipinti riflettevano i dolori della guerra e dell’oppressione. La sua opera del 1938, “Crocifissione bianca”, mostra Gesù in croce con indosso uno scialle da preghiera ebraico, una dichiarazione solenne sulla sofferenza degli ebrei nell’Europa dell’epoca.

Attraverso paesaggi onirici colorati e soggetti toccanti, Chagall ha spinto i confini dell’arte moderna. I suoi dipinti magistrali e fantasiosi hanno dato espressione visiva a temi senza tempo di spiritualità, amore e sofferenza umana. A distanza di più di 100 anni, le opere di Chagall, che mescolano i generi, rimangono sempre affascinanti.

Il ruolo di Chagall nel movimento dell’arte moderna

Marc Chagall è stato un pioniere dell’arte moderna all’inizio del XX secolo. Con i suoi dipinti espressivi e onirici, Chagall ha contribuito ad affermare il modernismo come stile artistico di spicco.

Rifiuto del realismo

Come altri artisti moderni del suo tempo, Chagall rifiutò il realismo che dominava l’arte del XIX secolo. Abbandonò l’idea che l’arte dovesse rappresentare accuratamente il mondo visivo. Al contrario, i suoi dipinti ritraggono paesaggi onirici immaginari con una qualità stravagante e fantastica. Il suo lavoro dimostrò che l’arte poteva essere emotiva, simbolica e astratta piuttosto che meramente rappresentativa.

Influenza del fauvismo e del cubismo

Chagall fu influenzato da movimenti artistici contemporanei come il fauvismo e il cubismo. Dal fauvismo ha adottato l’uso espressivo del colore e delle pennellate sciolte. I suoi dipinti hanno una qualità vibrante e decorativa con colori intensificati piuttosto che naturalistici. Chagall è stato anche influenzato dalle forme appiattite, dalle forme geometriche e dalle prospettive multiple del cubismo, anche se le ha adattate al proprio stile immaginativo.

Rappresentazioni del folklore ebraico

Gran parte dell’opera di Chagall fu ispirata dalla sua eredità russo-ebraica e dal folklore della sua giovinezza a Vitebsk, in Bielorussia. I suoi dipinti incorporavano immagini simboliche del misticismo ebraico e presentavano figure tratte dai racconti popolari ebraici e dalla Torah, come musicisti, studiosi e animali. Fondendo questi soggetti ebraici con uno stile artistico moderno, Chagall creò un genere unico e personale che celebrava la sua identità culturale.

Grazie a queste qualità, Chagall contribuì a stabilire un nuovo vocabolario dell’arte moderna, fantasioso, simbolico e incentrato sui temi dell’identità culturale. La sua eredità di pioniere del modernismo vive nei suoi dipinti radiosi e stravaganti. Chagall ha dimostrato come l’arte moderna potesse essere profondamente personale, poetica e andare oltre i limiti del realismo.

Marc Chagall
Marc Chagall, 1912, Le Marchand de bestiaux (Il mandriano, il commerciante di bestiame), olio su tela, 97,1 x 202,5 cm, Kunstmuseum Basel. Di Marc Chagall – Kunstmuseum Basel e Kanton Basel-Stadt, PD-US, https://en.wikipedia.org/w/index.php?curid=59817953

Le opere più famose di Chagall

Il Cavaliere Azzurro (The Blue Rider)

Dipinto nel 1903, Il cavaliere azzurro è una delle prime opere importanti di Chagall. Questa scena onirica presenta un misterioso cavaliere blu che galoppa in una foresta notturna. La qualità stravagante e fantastica del dipinto è caratteristica dello stile artistico unico di Chagall, che fonde aspetti del cubismo, del fauvismo e dell’arte popolare russa.

Io e il villaggio

Completato nel 1911, Io e il villaggio è considerato la prima opera d’arte matura di Chagall. Questo dipinto nostalgico raffigura i ricordi della sua città natale in Bielorussia. Chagall ritrae scene vivaci di vita di villaggio, tra cui una lattaia, contadini e bestiame. Lo stile stravagante e fantasioso mostra immagini sovrapposte e colori non naturalistici. Io e il villaggio ha consacrato Chagall come artista d’avanguardia e pioniere dell’arte moderna.

Il violinista

Dipinto nel 1912, Il violinista è una delle opere più riconoscibili di Chagall. Questo dipinto lirico e sognante raffigura un violinista circondato da un cielo notturno, da tetti e da una luna splendente. Il violinista sembra fluttuare nell’aria mentre suona il suo violino, evocando un senso di gioia, musica e danza. La natura stravagante e poetica dell’opera dimostra la capacità di Chagall di trasformare i ricordi e i sogni in arte visiva.

Le tre candele

Realizzato nel 1938, Le tre candele è un dipinto a guazzo e olio che raffigura un senso di speranza. Il dipinto mostra tre candele accese che brillano nella notte, ognuna di un colore diverso. Le candele simboleggiano la fede, la speranza e l’amore. Sebbene Chagall abbia dipinto quest’opera in risposta all’ascesa del fascismo in Europa, il messaggio di ottimismo e resilienza di fronte all’oscurità è senza tempo.

Nel corso della sua lunga e prolifica carriera, Chagall ha prodotto molti altri famosi capolavori. Tra le altre opere degne di nota ricordiamo La sposa con la Torre Eiffel, Il sogno e il soffitto dell’Opera Garnier di Parigi. I dipinti fantasiosi e gioiosi di Chagall lo hanno consacrato come pioniere dell’arte moderna e come uno degli artisti di maggior successo del XX secolo.

Dove vedere i dipinti di Chagall

Marc Chagall
Marc Chagall. Bella con colletto bianco, 1917. Di Marc Chagall – Scannerizzato dal libro Марк Шагал, Моя Жизнь ISBN 5-267-00200-3, PD-US, https://en.wikipedia.org/w/index.php?curid=7529825

I principali musei

Alcune delle migliori collezioni di opere di Chagall si trovano nei principali musei d’arte del mondo. Il Museum of Modern Art di New York possiede una notevole collezione di dipinti, disegni, costumi e vetrate di Chagall. Anche l’Art Institute di Chicago, il Philadelphia Museum of Art e la Tate Modern di Londra ospitano collezioni impressionanti di dipinti di Chagall che abbracciano diversi periodi della sua carriera.

Musei Chagall

Per le collezioni più complete, visitate uno dei musei Marc Chagall dedicati esclusivamente all’artista e alle sue opere. Il Museo Nazionale Marc Chagall di Vitebsk, in Bielorussia, ospita oltre 300 opere tra dipinti, disegni, ceramiche e sculture. Il Museo Chagall di Nizza, in Francia, contiene i 17 grandi dipinti biblici di Chagall, oltre a mosaici e gouaches. Il Museo Chagall del Messaggio Biblico di Marc Chagall a Vence, in Francia, ospita l’opera monumentale di Chagall intitolata “Il Messaggio Biblico”.

Finestre di vetro colorato

Alcune delle creazioni più sorprendenti di Chagall sono le sue vetrate. Esempi maestosi si possono ammirare in diverse chiese e cappelle in Francia. La chiesa di Fraumünster a Zurigo, in Svizzera, ospita cinque splendide vetrate di Chagall. Le dodici vetrate di Chagall all’Hadassah Hospital di Gerusalemme, in Israele, raffigurano le dodici tribù di Israele. Le Finestre d’America dell’Art Institute di Chicago sono l’unica opera di Chagall in vetro colorato creata per un ambiente laico.

Vedere di persona i magistrali dipinti, i disegni e le vetrate di Chagall offre uno sguardo al mondo immaginifico e stravagante creato da questo pioniere dell’arte moderna. Le sue opere continuano a ispirare nuove generazioni di artisti e amanti dell’arte in tutto il mondo. Esplorare i musei e i luoghi che ospitano le creazioni di Chagall offre un’opportunità unica per apprezzare appieno la portata della sua visione artistica.

Come avete appreso, Marc Chagall è stato un influente pioniere dell’arte moderna, il cui stile stravagante e sognante si è distaccato dalle convenzioni artistiche. I suoi dipinti sono una testimonianza del potere dell’immaginazione e del suo persistente spirito di anticonformismo. Chagall ha seguito la sua visione artistica e le sue passioni, fondendo fantasia e nostalgia con accenni al folklore e al misticismo ebraico. Il suo uso magistrale del colore e del linguaggio metaforico delle immagini gli permise di creare un vocabolario visivo completamente nuovo. Sebbene controversa all’epoca, l’opera di Chagall ha superato la prova del tempo e oggi è considerata una delle figure più importanti dell’arte del XX secolo. Lasciate che la sua vita e le sue opere siano di ispirazione: seguite i vostri sogni e il vostro spirito creativo senza limiti. Liberatevi dall’ordinario e dal banale e dipingete il vostro mondo con i colori dell’immaginazione.

Condividi questo articolo
Seguire:
Giornalista e artista (fotografo). Redattore della sezione arte di MCM.
Lascia un commento