La misteriosa morte di Danny Casolaro: svelare una cospirazione politica

Danny Casolaro. By unknown - http://survivethejivealive.blogspot.com/2010/06/death-of-reporter-danny-casolaro.html, http://www.newsmakingnews.com, http://nationalcorruptionindex.org/pages/profile.php?profile_id=264, Fair use, https://en.wikipedia.org/w/index.php?curid=18893679
Martin Cid
Martin Cid

Nell’estate del 1991, il mondo fu scosso dalla misteriosa morte del giornalista investigativo Danny Casolaro. Trovato morto nella vasca da bagno di un hotel a Martinsburg, in West Virginia, la morte di Casolaro sollevò domande su un potenziale insabbiamento politico. È stato assassinato perché stava per svelare una cospirazione politica molto delicata?

Vita e carriera iniziali

Danny Casolaro è nato il 16 giugno 1947 a McLean, in Virginia. Cresciuto in una famiglia cattolica, ha sviluppato fin da giovane la passione per la scrittura e il giornalismo d’inchiesta. Dopo aver frequentato il Providence College, ha intrapreso una carriera che comprendeva la boxe amatoriale, la scrittura di poesie e racconti e l’allevamento di cavalli arabi di razza. Casolaro si è anche dilettato nel giornalismo, esplorando temi come la presenza navale sovietica a Cuba e il contrabbando di oppio negli Stati Uniti da parte di organizzazioni comuniste cinesi.

Verso la fine degli anni ’70, Casolaro ha spostato la sua attenzione sull’industria informatica, acquisendo una serie di pubblicazioni commerciali del settore. Tuttavia, all’inizio degli anni Novanta, decise di tornare al giornalismo e si interessò al caso Inslaw, uno scandalo software che coinvolse il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.

Il caso Inslaw

Il caso Inslaw ruotava attorno a una società di software chiamata Inslaw Inc. che aveva sviluppato un programma noto come PROMIS (Prosecutor’s Management Information System). PROMIS era stato progettato per semplificare la gestione dei casi per le agenzie di polizia. Nel 1980, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti divenne uno dei principali clienti di Inslaw, ma il rapporto si inasprì presto.

Secondo William Hamilton, il fondatore di Inslaw, il Dipartimento di Giustizia ha iniziato a trattenere i pagamenti da Inslaw, portando l’azienda al fallimento. In seguito si scoprì che anche il governo canadese utilizzava il software di Inslaw senza essere adeguatamente pagato. Ciò ha portato a una battaglia legale tra Inslaw e il Dipartimento di Giustizia, con accuse di furto di software e scorrettezze finanziarie.

L’indagine di Danny Casolaro

Danny Casolaro credeva che il caso Inslaw fosse solo la punta dell’iceberg. Pensava che facesse parte di una cospirazione molto più grande e interconnessa che coinvolgeva funzionari statunitensi corrotti, criminalità organizzata e agenzie di intelligence. Casolaro si riferiva a questa rete tentacolare come alla “Piovra”.

L’indagine di Casolaro lo portò a intervistare Bill e Nancy Hamilton, i proprietari di Inslaw Inc. Questi gli presentarono un uomo di nome Michael Riconosciuto, che sosteneva di aver lavorato per la CIA e di essere a conoscenza di attività illegali legate alla distribuzione del software di Inslaw. Riconosciuto sosteneva che i fondi ricavati dalla vendita del software venivano utilizzati per finanziare operazioni segrete in Nicaragua, America Centrale e Medio Oriente.

Quando si diffuse la notizia dello scandalo Inslaw, il Congresso cominciò a prenderne atto. Nell’agosto 1989, la Commissione giudiziaria della Camera avviò un’indagine formale. Casolaro vide l’opportunità di svelare la verità e iniziò a raccogliere prove e a condurre interviste. Tuttavia, la sua indagine prese una piega oscura quando Michael Riconosciuto fu arrestato con l’accusa di spaccio di droga poco dopo aver raccontato la sua storia agli investigatori della commissione.

Imperterrito, Casolaro continuò le sue indagini e incontrò Elliot Richardson, l’ex procuratore generale sotto il presidente Richard Nixon. Richardson riteneva che il caso Inslaw avesse implicazioni di vasta portata, affermando che la cospirazione che lo circondava era più sinistra di qualsiasi cosa rivelata nello scandalo Watergate.

La morte di Danny Casolaro

Il 10 agosto 1991, Danny Casolaro fu trovato morto in una vasca da bagno dello Sheraton Hotel di Martinsburg, in West Virginia. La causa ufficiale della morte fu dichiarata suicidio dal medico legale. Tuttavia, la famiglia e gli amici di Casolaro erano scettici su questa conclusione e sospettavano che si trattasse di un omicidio.

Secondo i rapporti della polizia, nella vasca da bagno sono stati trovati un biglietto d’addio e un’unica lama di rasoio. Casolaro aveva dodici tagli profondi sui polsi, otto sul polso sinistro e quattro sul destro. Uno dei tagli era così grave da recidere un tendine. Il biglietto d’addio, presumibilmente scritto da Casolaro, ha sollevato più domande che risposte.

I cari di Casolaro hanno messo in dubbio l’autenticità del biglietto d’addio, in quanto sembrava fuori dal personaggio che si era tolto la vita. Inoltre, hanno sottolineato che prima della sua morte aveva ricevuto minacce di morte e hanno espresso timore per la sua incolumità. Le circostanze della sua morte, compresi i documenti mancanti e i lividi inspiegabili, hanno sollevato il sospetto di un potenziale insabbiamento.

Indagini e insabbiamenti

Dopo la morte di Casolaro, le autorità della Virginia Occidentale hanno aperto un’indagine formale, ma molti ritengono che sia stata insufficiente e poco professionale. La scena del crimine è stata gestita in modo scorretto e le prove cruciali sono state potenzialmente distrutte. Inoltre, la polizia non ha esaminato a fondo le stanze circostanti e non ha interrogato potenziali testimoni.

Elliot Richardson, una figura di spicco nel caso Inslaw, riteneva che ci fossero prove sufficienti per ipotizzare un omicidio. Ha criticato la mancanza di un’indagine completa sulla morte di Casolaro e il successivo insabbiamento da parte dei funzionari governativi. L’opinione di Richardson era condivisa dalla famiglia e dagli amici di Casolaro, che ritenevano che la verità fosse stata nascosta.

L’eredità di Danny Casolaro

La morte di Danny Casolaro ha lasciato dietro di sé un’eredità di domande senza risposta e speculazioni continue. La sua incessante ricerca della verità e della giustizia di fronte a una vasta cospirazione politica ha affascinato le menti di molti. Nonostante il passare del tempo, il caso rimane irrisolto e la portata della cospirazione della “Piovra”, se davvero esiste, continua a sfuggire agli investigatori.

La misteriosa morte di Danny Casolaro rimane un enigma, avvolto da accuse di insabbiamento politico e domande senza risposta. La sua indagine sul caso Inslaw e la sua ricerca della verità sulla cospirazione della “Piovra” lo hanno portato alla sua prematura scomparsa. Che la morte di Casolaro sia stata un suicidio o un omicidio accuratamente orchestrato, la verità potrebbe non essere mai completamente svelata. Il ricordo di Danny Casolaro serve a ricordare i rischi che corrono i giornalisti investigativi e l’importanza di scoprire la verità, a prescindere dalle conseguenze.

Etichettato:
Condividi questo articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *