Chi è Jho Low? La mente dietro lo scandalo 1MDB

Jho Low. By Jho Low - Original publication: unknownImmediate source: Twitter, Fair use, https://en.wikipedia.org/w/index.php?curid=74448376
Penelope H. Fritz
Penelope H. Fritz

Negli ultimi anni, il nome di Jho Low è diventato sinonimo di uno dei più grandi scandali finanziari della storia: lo scandalo 1Malaysia Development Berhad (1MDB). Jho Low, uomo d’affari malese, è stato accusato di aver architettato un complesso schema per trasferire miliardi di dollari dal fondo 1MDB ai suoi conti personali. Questo articolo approfondisce la vita e la carriera di Jho Low, esplorando i suoi primi anni, i suoi affari e l’indagine in corso sul suo ruolo nello scandalo 1MDB.

Jho Low, nato Low Taek Jho il 4 novembre 1981, proviene da una ricca famiglia cinese malese. Cresciuto a George Town, Penang, era il più giovane di tre figli. Low ha frequentato scuole prestigiose, tra cui la Chung Ling High School e la The International School of Penang, prima di essere mandato alla Harrow School di Londra. Ad Harrow ha avuto l’opportunità di frequentare studenti di famiglie influenti, tra cui reali del Medio Oriente e del Brunei. Durante la permanenza a Londra ha sviluppato una stretta relazione con Riza Aziz, figliastro dell’ex primo ministro malese Najib Razak.

Dopo aver completato la sua formazione ad Harrow, Low si è iscritto al programma di studi universitari della Wharton School dell’Università della Pennsylvania. Lì ha continuato a coltivare legami con malesi e altre persone influenti del Kuwait e della Giordania. Low si è laureato alla Wharton nel 2005.

L’ingresso di Low nel mondo dell’alta finanza è iniziato con il suo coinvolgimento nell’acquisto da parte della Kuwait Finance House di un grattacielo di lusso a Kuala Lumpur per 87 milioni di dollari nel 2006. Questo affare ha segnato l’inizio di una serie di transazioni di alto profilo che hanno proiettato Low sotto i riflettori.

In qualità di amministratore di Jynwel Capital, una società di investimento da lui fondata, Low ha coltivato relazioni con fondi sovrani come Mubadala Development Co di Abu Dhabi e Kuwait Investment Authority. Jynwel Capital è stata coinvolta in importanti operazioni, tra cui l’acquisizione del Park Lane Hotel di New York, l’acquisizione di Coastal Energy e l’acquisto delle attività di pubblicazione musicale di EMI. Tuttavia, una delle imprese più importanti associate a Low è il suo sostegno alla Red Granite Pictures, una società di produzione di Hollywood responsabile di film come “The Wolf of Wall Street” e “Scemo e più scemo”.

Il presunto coinvolgimento di Jho Low nello scandalo 1MDB è iniziato quando ha sviluppato legami con il fondo 1Malaysia Development Berhad, di cui era occasionalmente consulente. Il Wall Street Journal ha riportato che le proprietà a Manhattan e Beverly Hills, possedute da società di comodo collegate al trust della famiglia di Low, sono state successivamente trasferite al figliastro di Razak. Queste transazioni hanno sollevato il sospetto di riciclaggio di denaro e tangenti.

Nel 2016, l’Interpol ha emesso un avviso rosso su richiesta di Singapore per localizzare e arrestare Low. Tuttavia, Low è riuscito a sfuggire alla cattura e, secondo alcuni rapporti, risiederebbe in Cina. Il presunto coinvolgimento di Low nello scandalo 1MDB ha portato alla revoca del suo passaporto malese e all’emissione di mandati di arresto nei suoi confronti da parte del nuovo governo malese. Nonostante questi sviluppi, Low sostiene la sua innocenza, affermando che le accuse contro di lui sono motivate politicamente.

La capacità di Low di viaggiare liberamente e di eludere l’arresto è stata attribuita al possesso di più passaporti. Sebbene sia nato in Malesia e gli sia stata concessa la cittadinanza malese, avrebbe ottenuto passaporti di Paesi caraibici e mediterranei attraverso programmi di cittadinanza economica. Tuttavia, nel 2018, le autorità malesi per l’immigrazione hanno revocato il passaporto di Low, citando il possesso di più passaporti come reato penale. È stato inoltre rivelato che Low aveva ottenuto un passaporto cipriota attraverso un programma di investimento per la cittadinanza.

In quanto latitante, si ritiene che Jho Low risieda in Cina, dove viaggia molto attraverso le principali città. Nonostante i tentativi delle autorità malesi di localizzarlo e arrestarlo, Low è riuscito a sfuggire alla cattura e, stando a quanto riportato, vive in una casa di proprietà di un alto esponente del Partito Comunista Cinese a Macao. Il governo cinese ha negato di ospitare Low, anche se è stato avvistato in luoghi pubblici, come Disneyland Shanghai, sollevando dubbi sulla sua posizione.

I legami personali di Jho Low con la famiglia Najib Razak lo hanno portato a sostenere e finanziare Najib durante le elezioni del 2013 in Malesia. Ha organizzato un concerto pro-governativo con la partecipazione dei musicisti americani Busta Rhymes e Ludacris, che ha attirato le critiche del governo di opposizione per la presunta slealtà delle elezioni.

Oltre alla Malesia, Low è stato coinvolto in attività di lobbying negli Stati Uniti. Sarebbe stato coinvolto in una cospirazione per ottenere accesso e potenzialmente influenzare la campagna elettorale di Barack Obama nel 2012, senza rivelare l’origine straniera del denaro versato alla campagna. Low ha negato di aver versato, direttamente o indirettamente, contributi per la campagna elettorale negli Stati Uniti.

Prima di diventare un latitante internazionale, Jho Low era noto per il suo stile di vita stravagante e per i suoi legami con le celebrità. Veniva spesso visto socializzare con personaggi di alto profilo, tra cui Paris Hilton, Leonardo DiCaprio e Kimora Lee Simmons. Lo stile di vita sfarzoso di Low sarebbe stato finanziato con il denaro ottenuto dal fondo 1MDB. Le sue relazioni sentimentali con la cantante taiwanese Elva Hsiao e con la modella di Victoria’s Secret Miranda Kerr hanno attirato l’attenzione dei media e sono diventate oggetto di esame in relazione allo scandalo 1MDB.

Jho Low è noto per le sue donazioni a varie cause benefiche. Tuttavia, i critici sostengono che le sue donazioni siano solo un tentativo di migliorare la sua immagine offuscata e che i fondi che dona siano stati rubati dal fondo 1MDB. La tempistica delle sue attività filantropiche coincide con lo scoppio dello scandalo 1MDB.

Il presunto coinvolgimento di Jho Low nello scandalo 1MDB ha catturato l’attenzione del mondo. Dai suoi primi anni in Malesia ai suoi affari e alla sua successiva latitanza, la storia di Low è una storia di ricchezza, intrighi e controversie. Mentre le indagini sullo scandalo 1MDB proseguono, la ricerca di Jho Low da consegnare alla giustizia continua. Nonostante Low continui a negare qualsiasi illecito, l’impatto dello scandalo continua a riverberarsi nel panorama finanziario globale.

Etichettato:
Condividi questo articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *