Yorgos Lanthimos: Un regista greco straordinario

Yorgos Lanthimos Depositphotos
Molly Se-kyung
Molly Se-kyung

Il regista greco Yorgos Lanthimos è diventato una figura di spicco nel mondo del cinema, noto per il suo stile narrativo unico e per i suoi film che fanno riflettere. Concentrandosi su thriller psicologici, commedie nere e film horror, Lanthimos ha affascinato pubblico e critica con la sua visione distinta. In questo articolo esploreremo la vita, la carriera e lo stile artistico di Yorgos Lanthimos, facendo luce sulla sua ascesa alla ribalta e sul plauso che ha ricevuto per le sue opere.

Vita e formazione iniziale

Yorgos Lanthimos è nato il 23 settembre 1973 a Pangrati, Atene. Cresciuto principalmente dalla madre Eirini, proprietaria di un negozio, Lanthimos ha avuto un’educazione particolare. Suo padre, Antonis Lanthimos, è stato un giocatore professionista di pallacanestro per il Pagrati B.C. e per la nazionale greca di basket. Antonis è stato anche istruttore di pallacanestro presso la scuola Moraitis.

Dopo aver completato la sua formazione alla Moraitis School, Lanthimos ha inizialmente proseguito gli studi in Business Administration, giocando al contempo a basket per il Pagrati B.C. Tuttavia, alla fine ha deciso di seguire la sua passione per il cinema e si è iscritto alla Hellenic Cinema and Television School Stavrakos (HCTSS) di Atene, dove ha studiato regia per il cinema e la televisione.

Yorgos Lanthimos
Yorgos Lanthimos Depositphotos

Ascesa alla ribalta: 1995-2014

Il viaggio di Lanthimos verso la ribalta è iniziato negli anni ’90, quando ha diretto una serie di video per compagnie greche di teatro-danza. Da allora ha esplorato vari mezzi, dirigendo spot televisivi, video musicali, cortometraggi e spettacoli teatrali sperimentali. Ha anche fatto parte del team creativo che ha progettato le cerimonie di apertura e chiusura delle Olimpiadi estive del 2004 ad Atene.

Lanthimos ha esordito nel 2001 con “Il mio migliore amico”, co-diretto insieme a Lakis Lazopoulos. Il film ha segnato l’inizio della sua esplorazione del surreale e del non convenzionale. Nel 2005, Lanthimos ha presentato in anteprima “Kinetta” al Toronto Film Festival, affermando ulteriormente il suo stile unico e raccogliendo l’attenzione del pubblico internazionale.

Tuttavia, è stato il suo terzo lungometraggio, “Dogtooth”, uscito nel 2009, a spingere Lanthimos sotto i riflettori. Il film, un dramma psicologico greco, ha vinto il premio Un Certain Regard al Festival di Cannes 2009 e ha ricevuto il plauso della critica per la sua audacia e originalità. È stato persino nominato come miglior film straniero all’83ª edizione degli Academy Awards.

Lanthimos ha continuato a spingersi oltre i confini con il suo quarto lungometraggio, “Alps”, che ha vinto il Premio Osella per la migliore sceneggiatura alla 68ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia nel 2011. Il film affronta i temi dell’identità e dell’impersonificazione, mostrando la capacità di Lanthimos di creare narrazioni che fanno riflettere.

Sfondamento e acclamazione: 2015-oggi

Nel 2015, Yorgos Lanthimos è passato a film in lingua inglese a più alto budget, prodotti nel Regno Unito, in Irlanda e negli Stati Uniti. Il suo primo film in lingua inglese, “The Lobster”, è stato presentato in anteprima al Festival di Cannes 2015 e ha ricevuto ampi consensi dalla critica. Interpretato da Colin Farrell, Rachel Weisz e John C. Reilly, il film esplora i temi dell’amore, delle relazioni e delle norme sociali in un mondo distopico. La sceneggiatura di Lanthimos per “The Lobster” ha vinto il premio ARTE International Award per il miglior progetto CineMart all’International Film Festival di Rotterdam.

Lanthimos ha ulteriormente consolidato la sua reputazione di maestro del cinema con “The Killing of a Sacred Deer” nel 2017. Questo film horror psicologico, interpretato da Colin Farrell, Nicole Kidman e Barry Keoghan, è stato presentato in anteprima al Festival di Cannes e ha concorso per la prestigiosa Palma d’Oro. Il film ha ricevuto il plauso della critica, con Mark Kermode del Guardian che lo ha paragonato alle opere di Michael Haneke e lo ha descritto come un’agghiacciante esplorazione della colpa e della punizione.

Tuttavia, è stato il film di Lanthimos del 2018, “The Favourite”, a raccogliere le maggiori attenzioni e consensi. Una commedia nera d’epoca ambientata alla corte della regina Anna nei primi anni del 1700, il film è interpretato da Olivia Colman, Emma Stone e Rachel Weisz. “The Favourite” ha ricevuto un ampio consenso da parte della critica ed è stato candidato a dieci premi Oscar, tra cui quelli per il miglior film e la miglior regia per Lanthimos. Ha vinto il Gran Premio della Giuria alla 75a Mostra del Cinema di Venezia e ha consolidato la posizione di Lanthimos come uno dei registi più talentuosi e innovativi della sua generazione.

Stile e temi

Yorgos Lanthimos è noto per il suo stile cinematografico distinto, caratterizzato da un parlato stentato, da una recitazione senza toni e da una fotografia inquadrata. I suoi film esplorano spesso temi oscuri e non convenzionali, sfidando le norme e le aspettative della società. Le opere di Lanthimos si addentrano spesso nella complessità delle relazioni umane, nella fragilità dell’identità e nelle conseguenze delle pressioni della società. I suoi film hanno una qualità surreale, confondono i confini tra realtà e finzione e lasciano il pubblico con domande persistenti e un senso di disagio.

Vita personale e premi

Nella vita privata, Yorgos Lanthimos è sposato con l’attrice greco-francese Ariane Labed dal 2013. La loro unione va oltre la vita privata: Labed è apparsa in diversi film di Lanthimos.

La visione unica e l’abilità narrativa di Lanthimos gli sono valsi numerosi riconoscimenti nel corso della sua carriera. I suoi film hanno ricevuto numerose nomination e premi, tra cui quattro premi al Festival di Cannes e un BAFTA Award. Lanthimos è stato riconosciuto anche dagli Academy Awards, ricevendo le nomination per la migliore sceneggiatura originale per “The Lobster” e per la migliore regia e il miglior film per “The Favourite”.

Filmografia e progetti futuri

La filmografia di Yorgos Lanthimos è una testimonianza della sua versatilità e della sua abilità creativa. Dai suoi primi film in lingua greca come “Dogtooth” e “Alps” ai suoi successi in lingua inglese con “The Lobster” e “The Favourite”, Lanthimos si è sempre spinto oltre i confini e ha sfidato le convenzioni.

Oltre ai suoi lungometraggi, Lanthimos ha diretto anche una serie di cortometraggi e ha partecipato a produzioni teatrali. La sua filmografia mostra la sua capacità di navigare in diversi mezzi ed esplorare varie tecniche di narrazione.

Guardando al futuro, Yorgos Lanthimos continua ad affascinare il pubblico con i suoi prossimi progetti. Il suo film “Poor Things” è stato presentato in anteprima all’80ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, dove ha vinto il prestigioso Leone d’oro. Il film ha come protagonista Emma Stone, consolidando ulteriormente il sodalizio creativo tra Lanthimos e la talentuosa attrice. Inoltre, Lanthimos starebbe lavorando all’adattamento del romanzo di Jim Thompson “Pop. 1280”, a dimostrazione del suo impegno nell’esplorare narrazioni non convenzionali e nell’affascinare il pubblico con il suo stile narrativo distinto.

Il viaggio di Yorgos Lanthimos da regista greco a regista di fama internazionale è una testimonianza della sua visione unica e della sua capacità di raccontare storie. Attraverso l’esplorazione di thriller psicologici, commedie nere e film horror, Lanthimos si è ritagliato uno spazio nel mondo del cinema. Il suo stile distinto, le sue narrazioni stimolanti e la sua volontà di sfidare le convenzioni lo hanno reso uno dei registi più interessanti e innovativi del nostro tempo. Mentre il pubblico attende con ansia i suoi progetti futuri, Yorgos Lanthimos continua a spingersi oltre i confini, ad affascinare il pubblico e a ridefinire le possibilità del cinema contemporaneo.

Condividi questo articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *