Recensione del film “Code 8” (2019): Un mondo distopico di rapinatori e supereroi

Code 8
Martin Cid
Martin Cid

Code 8” is a movie directed by Jeff Chan, and written by Chris Paré. It stars Stephen Amell, Robbie Amell and Kari Matchett.

Questo film combina con successo i generi delle rapine e dei furti con i supereroi, creando un film accattivante che soddisfa tutte le aspettative e gli scopi nonostante non abbia un budget enorme. Il concetto e il tema distopico lo rendono molto interessante. La trama segue un giovane con superpoteri che viene coinvolto in loschi traffici per salvare la vita di sua madre, che ha bisogno di un intervento medico.

Code 8
Code 8

Il film è ben realizzato, considerando il budget limitato, e offre un thriller divertente che non fa troppo affidamento sugli effetti speciali. Il personaggio principale è interessante per il pubblico più giovane e la sceneggiatura riesce a creare un film di supereroi senza essere eccessivamente catastrofica. E tutto questo senza un grande budget.

La storia segue un classico intreccio di rapine: un bravo ragazzo che rimane coinvolto in affari loschi. L’elemento distopico è ben integrato nella trama e non risulta forzato.

Il film si rivolge a un pubblico giovane, ma rispetta i personaggi e crea dialoghi e situazioni coinvolgenti sulla base di una sceneggiatura coerente che mira a intrattenere e trova un buon equilibrio.

Le scene d’azione sono realizzate in modo intelligente senza fare troppo affidamento sugli effetti speciali. Questo film conosce i suoi punti di forza e sa come evolversi, e dimostra che una buona sceneggiatura è più importante di un budget da blockbuster. Riesce a intrattenere, coinvolgere e persino sedurre.

A nostro avviso, raggiunge con successo tutti i suoi obiettivi di thriller distopico che lascia una buona impressione.

Code 8
Code 8

Dove vedere “Codice 8”

Netflix

Condividi questo articolo
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *