Il maestro della suspense: l’emozionante carriera cinematografica di Alfred Hitchcock

4 Novembre 2020
Alfred Hitchcock
Alfred Hitchcock. By Jack Mitchell, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=15047455

Alfred Hitchcock, il maestro della suspense, è una figura di spicco nel campo della narrazione cinematografica. Con una predilezione per i thriller psicologici e uno stile registico unico che ha conquistato il pubblico di tutto il mondo, i contributi di Hitchcock all’arte cinematografica hanno lasciato un segno indelebile nel settore. Unisciti a noi per svelare il genio enigmatico di Alfred Hitchcock, esplorare le sue opere iconiche e approfondire le complessità della mente dell’uomo che ha ridefinito la suspense sul grande schermo.

La prima vita

Alfred Hitchcock

Alfred Joseph Hitchcock è nato il 13 agosto 1899 a Leytonstone, Londra, Inghilterra. È il secondogenito e il più giovane dei tre figli di William Hitchcock, fruttivendolo e pasticciere, e di sua moglie Emma. Hitchcock crebbe nell’East End di Londra, che in seguito avrebbe influenzato l’ambientazione di molti dei suoi film, tra cui L’inquilino (1927) e L’uomo che sapeva troppo (1934). Fin da piccolo, Hitchcock fu affascinato dalle nuove tecnologie e dai macchinari. I suoi genitori erano devoti cattolici e lui frequentò collegi cattolici, tra cui il St. Ignatius’ College di Stamford Hill. Da bambino, Hitchcock amava andare a teatro e al cinema, apprezzando soprattutto le opere di Shakespeare e i melodrammi. Questa precoce esposizione al dramma e alla narrazione avrebbe plasmato il resto dell’illustre carriera di Hitchcock.

Inizio di carriera

Alfred Hitchcock ha iniziato a lavorare nell’industria cinematografica a Londra nel 1920. Iniziò a lavorare come disegnatore di titoli per la filiale londinese di quella che sarebbe diventata la Paramount Pictures. Nel 1922 divenne assistente alla regia e nel 1925 fu promosso regista a tutti gli effetti e diresse il suo primo film, The Pleasure Garden.

Hitchcock continuò a fare esperienza nella regia di film muti britannici per tutta la fine degli anni Venti. Alcuni dei suoi primi acclamati film muti furono The Lodger: A Story of the London Fog (1927), Blackmail (1929) e Juno and the Paycock (1930). Anche in questi primi film divenne noto per il suo stile ricco di suspense.

Durante il periodo trascorso come art director, Hitchcock ha affinato le sue capacità di narrazione visiva. Questo background negli elementi visivi del cinema ha influenzato fortemente il suo stile di regia distintivo in seguito. Sebbene i suoi film britannici non siano stati un grande successo commerciale, hanno attirato il plauso della critica e l’attenzione di Hollywood.

The Shower - Psycho (5/12) Movie CLIP (1960) HD

Film muti

La carriera di regista di Alfred Hitchcock inizia nell’era del cinema muto degli anni Venti. I suoi primi film non ebbero successo, ma nel 1926 ebbe la sua svolta con The Lodger: A Story of the London Fog. Si tratta del primo film veramente “hitchcockiano”, che stabilisce molti dei temi e degli stilemi che definiranno il suo lavoro.

L’inquilino presenta un protagonista misterioso e carismatico e i temi dello scambio di identità e dell’accusa ingiusta. Dal punto di vista visivo, Hitchcock utilizza uno stile espressionista con un’illuminazione inquietante e una macchina da presa claustrofobica per creare suspense e inquietudine. Il film fu un grande successo critico e commerciale in Gran Bretagna, consolidando la reputazione di Hitchcock.

L’ultimo film muto di Hitchcock fu Il ricatto (1929), originariamente girato come muto ma adattato durante la produzione per avere il sonoro. Il ricatto è considerato uno dei migliori lavori muti di Hitchcock, con pezzi di scena sapientemente coreografati e un uso innovativo del suono per aumentare la tensione. La scena culminante dell’inseguimento al British Museum fu una sequenza pionieristica dell’uso del suono.

Questi primi film muti mostrano il talento nascente di Hitchcock e molti dei temi e delle tecniche che lo avrebbero reso il leggendario “Maestro della suspense”. Sebbene abbia continuato a girare film con il sonoro, Hitchcock ha mantenuto il suo stile decisamente visivo per tutta la sua carriera.

Trasferirsi a Hollywood

Il maestro della suspense: l'emozionante carriera cinematografica di Alfred Hitchcock

Alfred Hitchcock si trasferì dall’Inghilterra a Hollywood nel 1939, dopo aver firmato un contratto con il produttore americano David O. Selznick. Questo evento segnò una svolta importante nella carriera di Hitchcock, in quanto gli diede accesso a budget più elevati, ad attori di alto profilo e alle risorse dello studio system hollywoodiano.

Hitchcock si era già affermato in Gran Bretagna come regista innovativo con film come I 39 passi, La signora scompare e L’uomo che sapeva troppo. Selznick portò Hitchcock a Hollywood per dirigere il melodramma gotico Rebecca, tratto dal romanzo di Daphne du Maurier. Rebecca vinse l’Oscar per il miglior film nel 1940, consolidando la reputazione di Hitchcock in America e lanciando la sua iconica carriera hollywoodiana.

La firma con Selznick diede a Hitchcock più libertà creativa e controllo di quanto non avesse in Inghilterra. Poté disporre di una troupe coerente e lavorare con il suo stile caratteristico, utilizzando tecniche come lo zoom dolly e uno storyboarding meticoloso. Selznick contribuì ad aumentare il profilo di Hitchcock a Hollywood e lo commercializzò abilmente come regista di marca. Anche se in seguito Hitchcock trovò la supervisione di Selznick restrittiva, la loro collaborazione portò alla realizzazione di classici come Rebecca, Spellbound e Notorious negli anni Quaranta.

Il trasferimento a Hollywood permise a Hitchcock di raggiungere un pubblico molto più vasto e di lavorare con star famose come Ingrid Bergman, Grace Kelly, Cary Grant e James Stewart. Fu l’inizio del periodo più iconico e acclamato dalla critica, in cui Hitchcock diresse film di suspense come La finestra sul cortile, Vertigo, North by Northwest, Psycho e Gli uccelli. Senza il trasferimento a Hollywood, facilitato dall’accordo con Selznick, Alfred Hitchcock non sarebbe diventato noto come il “Maestro della suspense”.

I principali film di Hollywood

Alfred Hitchcock ha diretto molti film influenti e acclamati dalla critica durante il suo periodo di lavoro a Hollywood. Tra le sue opere più importanti di questo periodo ricordiamo:

Rebecca (1940)

Rebecca è stato il primo film americano di Hitchcock e il suo unico vincitore del premio per il miglior film. È un thriller psicologico tratto dall’omonimo romanzo di Daphne du Maurier. Il film è interpretato da Laurence Olivier e Joan Fontaine nei panni di una coppia sposata che vive nell’ombra della defunta ex moglie del marito, Rebecca. Hitchcock utilizza elementi di suspense e mistero mentre la nuova moglie cerca di scoprire i segreti di Rebecca.

La finestra sul cortile (1954)

Il maestro della suspense: l'emozionante carriera cinematografica di Alfred Hitchcock

La finestra sul cortile è considerato uno dei capolavori di Hitchcock. Il thriller di suspense ha come protagonista James Stewart nel ruolo di un fotografo confinato nel suo appartamento dopo essersi rotto una gamba. Per noia, inizia a osservare i suoi vicini attraverso la finestra posteriore e si convince che uno di loro ha commesso un omicidio. Il film è stato un pioniere nell’uso del voyeurismo e della narrazione ristretta nel cinema.

Psycho (1960)

Psycho è il film più famoso e influente di Hitchcock. Ha stabilito un nuovo livello di accettabilità per la violenza e il comportamento deviante nei film americani. Il film segue Marion Crane (Janet Leigh), una donna che si dà alla fuga dopo aver rubato del denaro al suo datore di lavoro. Si rifugia nell’isolato Bates Motel, gestito da Norman Bates (Anthony Perkins) e dalla sua autoritaria madre. Il film contiene una delle scene più famose del cinema: lo scioccante omicidio di Marion Crane nella doccia.

Temi comuni

I film di Alfred Hitchcock sono noti per la loro capacità di generare suspense e di tenere il pubblico con il fiato sospeso. Era un maestro nel costruire la tensione e nel far sentire gli spettatori a disagio per quello che sarebbe potuto succedere dopo.

Uno degli strumenti più comuni di Hitchcock per creare suspense era la “teoria della bomba”. Si tratta di dare al pubblico informazioni che i personaggi non hanno, rendendo lo spettatore ansioso sul destino del personaggio. Ad esempio, in Sabotaggio, Hitchcock mostra al pubblico una bomba nascosta in un pacco prima che questo venga consegnato all’ignaro corriere. Il pubblico attende con suspense di vedere se la bomba esploderà.

Anche Hitchcock ha spesso giocato sulle paure primarie nei suoi film di suspense. In Gli uccelli, ha attinto alla paura universale della natura che si rivolta contro l’umanità. Psycho ha notoriamente spaventato il pubblico con la vulnerabilità che le persone provano mentre fanno la doccia. Vertigo ha costruito la suspense sulla paura delle altezze e delle cadute.

Il voyeurismo è un altro tema importante nell’opera di Hitchcock. Spesso inquadra le inquadrature dalla prospettiva di qualcuno che osserva lo svolgersi della scena. La finestra sul cortile ne è l’esempio massimo, con il protagonista bloccato nel suo appartamento a spiare i vicini. Ma molti altri film di Hitchcock presentano elementi voyeuristici, come la famosa scena della doccia di Psycho ripresa dall’esterno della doccia. Hitchcock invita il pubblico a essere un voyeur che assiste agli eventi sullo schermo.

Costruendo la tensione intorno a paure universali e incoraggiando il voyeurismo del pubblico, Hitchcock è stato il pioniere di nuove tecniche per generare suspense e ansia nel cinema. La sua influenza si sente ancora nel lavoro dei moderni registi di suspense e horror. Hitchcock ha dimostrato che la suspense può essere altrettanto avvincente, se non di più, del gore e della violenza espliciti.

Stile di regia

Il maestro della suspense: l'emozionante carriera cinematografica di Alfred Hitchcock

Alfred Hitchcock ha realizzato i suoi film con tocchi registici unici e riconoscibili. Due dei suoi marchi di fabbrica più famosi erano le apparizioni in cameo nei suoi stessi film e la padronanza della fotografia e del lavoro della macchina da presa per costruire la suspense.

Hitchcock ha fatto dei cameo in 39 dei suoi 52 film principali sopravvissuti. Si inseriva brevemente in una scena, spesso passando sullo sfondo. Lo faceva intenzionalmente come qualcosa di divertente da notare per il pubblico, trasformandolo in un segno distintivo del suo lavoro. I suoi cammei erano sottili ma creativi, tra cui apparizioni come un corpo che galleggia nell’oceano, una foto pubblicitaria prima e dopo e una firma su un documento.

Hitchcock è stato un pioniere delle tecniche cinematografiche per massimizzare la suspense e la tensione. Utilizzava angolazioni innovative, primi piani, carrellate e montaggio per guidare le emozioni e la psicologia del pubblico. Ad esempio, seguiva la macchina da presa lungo i muri e i bordi per creare una tensione claustrofobica. Oppure utilizzava l’effetto dolly zoom per creare vertigine e disagio. Hitchcock considerava la cinematografia come un modo per giocare con la mente del pubblico e suscitare le reazioni desiderate. La sua padronanza tecnica e l’abile narrazione visiva sono state fondamentali per creare le atmosfere di suspense per cui i suoi film sono diventati famosi.

Serie TV

Il maestro della suspense: l'emozionante carriera cinematografica di Alfred Hitchcock

Nel 1955, Alfred Hitchcock iniziò a produrre e occasionalmente a dirigere una serie televisiva antologica sulla suspense chiamata Alfred Hitchcock Presents. La serie presentava drammi, thriller e misteri, spesso con un colpo di scena finale. Hitchcock appariva all’inizio di ogni episodio per impostare la storia nel suo caratteristico stile divertente.

Alfred Hitchcock Presents è rimasto in onda per 10 stagioni, diventando uno degli show più popolari degli anni Cinquanta e Sessanta. Più di 350 episodi sono andati in onda durante il periodo della serie. Sebbene Hitchcock stesso abbia diretto solo 17 episodi, le sue introduzioni e la sua produzione hanno elevato la serie. Molti attori famosi apparvero nello show all’inizio della loro carriera, tra cui Robert Redford, Steve McQueen e Peter Falk. La serie è valsa ad Hitchcock una stella sulla Hollywood Walk of Fame.

Nel 1985, la NBC ha ripreso la serie con il titolo The Alfred Hitchcock Presents, co-prodotto dall’eredità di Hitchcock. Anche se di minor successo rispetto all’originale, il revival durò quattro stagioni e vide la partecipazione di star come John Ritter, Harvey Keitel e Melanie Griffith. L’iconico tema musicale della serie originale è rimasto, cementando Alfred Hitchcock Presents come un pezzo indelebile dell’eredità di Hitchcock in televisione.

Premi e riconoscimenti

Il maestro della suspense: l'emozionante carriera cinematografica di Alfred Hitchcock

Alfred Hitchcock ha ricevuto molti premi prestigiosi nel corso della sua lunga e illustre carriera. Tra i suoi riconoscimenti più importanti ricordiamo:

Certezza cavalleresca

Nel 1979, Hitchcock è stato nominato cavaliere dalla Regina Elisabetta II per il suo contributo all’industria cinematografica. Divenne Sir Alfred Hitchcock KBE (Knight Commander of the Most Excellent Order of the British Empire). Si trattava di un’onorificenza incredibilmente prestigiosa, che dimostrava lo status di Hitchcock come uno dei registi britannici più affermati.

Premio AFI alla carriera

Nel 1979, l’American Film Institute ha conferito a Hitchcock il Life Achievement Award. Questo premio ha onorato Hitchcock per il suo contributo al cinema nel corso della sua vita. Tra le sue opere più influenti, evidenziate durante la cerimonia, figurano I 39 passiRebeccaL’ombra del dubbioLa finestra sul cortileVertigoPsycho.

Premio commemorativo Irving G. Thalberg

Nel 1968, Hitchcock ha vinto il premio Irving G. Thalberg Memorial Award agli Academy Awards. Questo premio riconosceva le sue produzioni di alta qualità e la sua posizione di uno dei registi più influenti della storia.

5 nomination per il miglior regista

Sebbene Hitchcock non abbia mai vinto l’Oscar per la miglior regia, è stato nominato cinque volte nell’arco della sua carriera – per Rebecca (1940), Lifeboat (1944), Spellbound (1945), Rear Window (1954), e Psycho (1960). Queste nomination dimostrano il riconoscimento da parte dell’Academy della sua magistrale regia.

Le numerose e prestigiose onorificenze di Hitchcock, tra cui il cavalierato, l’AFI Lifetime Achievement Award, l’Irving G. Thalberg Memorial Award e le nomination agli Oscar, lo hanno consacrato come uno dei registi più importanti e influenti del XX secolo. Il suo stile distintivo e la sua prolifica produzione hanno lasciato un segno indelebile nel cinema.

Salvador Dali Dream Sequence from Spellbound (1945)

Eredità

Alfred Hitchcock ha lasciato un segno indelebile nell’industria cinematografica e nella cultura popolare grazie al suo contributo pionieristico ai generi della suspense e del thriller. Pur avendo iniziato la sua carriera nell’era del muto, Hitchcock è passato con successo al cinema sonoro e poi a quello a colori, rimanendo una forza dominante nel cinema per oltre mezzo secolo.

Il maestro della suspense: l'emozionante carriera cinematografica di Alfred Hitchcock

Hitchcock è ampiamente considerato il Maestro della suspense, avendo diretto alcuni dei film più emozionanti e ricchi di suspense di tutti i tempi. Ha reso popolari molte tecniche che oggi sono diventate dei punti fermi del genere suspense, tra cui il colpo di scena drammatico, l’espediente del MacGuffin e l’uccisione inaspettata dei personaggi principali. Hitchcock sapeva come aumentare la tensione e usare la macchina da presa in modo strategico per costruire la suspense. Spesso mostrava al pubblico i pericoli che incombevano sui personaggi prima che questi ne fossero a conoscenza, creando un senso di terrore di fondo.

Il regista era un maestro nel manipolare le emozioni e le aspettative del pubblico. In molti dei suoi film più famosi, come Vertigo, Psycho e La finestra sul cortile, Hitchcock ha creato scenari ansiogeni, colonne sonore memorabili e colpi di scena scioccanti che hanno lasciato impressioni indelebili negli spettatori. Sebbene alcuni critici avessero inizialmente liquidato il suo lavoro come un’opera di basso livello, l’artista è stato ampiamente elogiato per la sua maestria tecnica e per la sua capacità di intrattenere il pubblico di massa.

Hitchcock ha ispirato generazioni di registi con il suo uso pionieristico degli angoli di ripresa, dell’illuminazione e del montaggio per raccontare storie visive ricche di suspense. Il suo lavoro ha dato forma al genere del thriller moderno e ha dimostrato che i film di suspense potevano ottenere un successo sia di critica che commerciale. Hitchcock ha dimostrato che il pubblico desidera l’adrenalina e l’eccitazione primordiale generate da una suspense ben realizzata, aprendo la strada a decenni di film di suspense e horror successivi. Lo stile “hitchcockiano” rimane immediatamente riconoscibile e perennemente influente.

Alfred Hitchcock talking about fear
Avatar di Penelope H. Fritz

Penelope H. Fritz

Penelope H. Fritz è una scrittrice altamente qualificata e professionale, con un talento innato nel catturare l'essenza degli individui attraverso i suoi profili e le sue biografie. Le sue parole sono eloquenti e penetranti, dipingono un quadro vivido dei suoi soggetti e lasciano i lettori affascinati.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articoli più recenti